Cinghiali attenzione: arrivano le precisazioni del Presidente dell’Ente di Gestione del Ticino e del Lago Maggiore.

Cinghiali attenzione: ci sono regole precise

Per fugare l’idea, errata, che all’interno delle aree protette si possa cacciare liberamente,  l’Ente di Gestione del Ticino e del Lago Maggiore ritiene necessario precisare alcuni concetti. Anzitutto la caccia nei parchi e nelle riserve naturali regionali è vietata dalla legge. Inoltre “i parchi possono operare solo in prima persona con propri piani di contenimento approvati dalla Regione, acquisito il parere favorevole dell’dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale “.

“Facciamo contenimento da 16 anni”

“Questo Ente – prosegue il comunicato – opera da almeno sedici anni nel contenimento del cinghiale. Lo fa utilizzando tutti gli strumenti possibili: gabbie, altane, girate. Al Parco dei Lagoni, in particolare, vengono usate solo gabbie trappola gestite esclusivamente dai guardia parco. Su una superficie di 460 ettari infatti sono stati a oggi abbattuti nell’anno in corso 70 esemplari”.

Leggi anche:  Cannavacciuolo su Topolino: è Chef Paperacciuolo

Cosa accadrà da gennaio

Il prossimo piano faunistico in vigore dal I gennaio 2018 permetterà quindi anche interventi armati (girate, cerca). Ma solo in situazioni particolari di emergenza. E sempre gestiti direttamente dal Parco. “Gli interventi – conclude infine l’Ente – di cattura e abbattimento sono promossi e gestiti dal gestore dell’area protetta. Sono svolti dal personale di vigilanza, tecnico e tecnico-faunistico dipendente dall’ente. O da personale volontario formato e autorizzato. O ancora dalle guardie provinciali previa autorizzazione del Parco”.