Il bando aperto fino al 16 giugno

Venti posti di lavoro in Assa, grazie ai Cantieri di lavoro, promossi con il Comune di Novara. Il bando si è aperto lunedì 5 maggio e le domande potranno essere presentate fino al 16 giugno. Ecco tutto quello che c’è da sapere per partecipare.

La durata dei cantieri di lavoro è di un anno e prevede un impegno lavorativo pari a venticinque ore settimanali, con indennità giornaliera 24,46 euro erogata esclusivamente per i giorni di effettiva presenza lavorativa. L’attività di pubblica utilità prevede la manutenzione del verde pubblico, il recupero del decoro urbano, la bonifica, il recupero e la riqualificazione di aree degradate, la manutenzione degli uffici e degli spazi pubblici.

La domanda di partecipazione dovrà essere redatta su apposito modulo (non saranno accettate domande provenienti su moduli diversi) e dovrà pervenire presso l’unità operativa di Assa (viale Curtatone n. 13) entro il 16 giugno, dal lunedì a venerdì dalle 9 alle 12. Il modulo di domanda è disponibile presso lo Sportello Sociale del Comune (corso Cavallotti n. 23, piano terra), presso l’ufficio di Assa (viale Curtatone, 13) ed è scaricabile dal sito del Comune (www.comune.novara.it).

Non potranno effettuare i “Cantieri” i disoccupati giudicati inidonei alla visita medica di idoneità effettuata dalla medicina del lavoro, percipienti, alla data di presentazione della domanda e di avvio dei “Cantieri”, le seguenti indennità connesse allo stato di disoccupazione (indennità di disoccupazione ordinaria, indennità di mobilità, trattamenti speciali di disoccupazione edile), percipienti, alla data di presentazione della domanda e di avvio dei “Cantieri”, l’assegno sociale o altri tipi di trattamenti pensionistici derivanti dal versamento dei contributi previdenziali. Non è ammesso a partecipare alla selezione più di un membro per nucleo familiare.

Il Comune procederà alla selezione dei candidati ed alla stesura della graduatoria sulla base dei criteri esplicitati dal bando, tra i quali la residenza nel Comune di Novara al 1° gennaio 2016, la nascita tra il 1° maggio 1952 e il 30 aprile 1977, la cittadinanza italiana o comunitaria oppure essere familiare di cittadino italiano o comunitario, non avente la cittadinanza di uno Stato membro, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, oppure essere cittadino straniero in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, essere inoccupato e/o disoccupato in cerca di occupazione così come definito dalla Legge regionale 34/2008, come risultante dall’iscrizione al Centro per l’Impiego territorialmente competente, essere cittadino in carico, in qualità di soggetto svantaggiato, ai Servizi Sociali del Comune di Novara alla data del 1° gennaio 2016, essere in possesso di una attestazione Isee, in corso di validità, non superiore a 7.500 euro e relativa ai redditi percepiti nel 2015.

Leggi anche:  Cercasi medico dello sport all’Asl VC

Il bando viene suddiviso Sotto-bando 1 (riservato a cinque disoccupati di cittadinanza italiana nati tra 1° maggio 1952 e il 31 dicembre 1957, appartenenti a nuclei famigliari, con particolari condizioni di disagio, seguiti dai servizi sociali), Sotto-bando 2 (riservato a sette disoccupati di cittadinanza italiana nati tra 1° gennaio 1958 e il 30 aprile 1977 appartenenti a nuclei famigliari, con particolari condizioni di disagio, seguiti dai servizi sociali), Sotto-bando 3 (riservato a tre disoccupati in possesso di invalidità civile iscritti al Centro per l’Impiego nelle liste delle categorie protette e con accertata capacità lavorativa alla mansione), Sotto-bando 4 (riservato a cinque disoccupati, cittadini comunitari e stranieri, nati tra il 1° maggio 1952 e il 30 aprile 1977 appartenenti a nuclei famigliari, con particolari condizioni di disagio, seguiti dai servizi sociali, in possesso di un livello di comprensione della lingua italiana sufficiente per comprendere la formazione e la sicurezza).