Cena solidale: sono gli ultimi giorni per iscriversi alla serata gastronomica a scopo benefico

Cena solidale promossa da quattro associazioni

Quattro associazioni, cinque tapuloni, una sfida e tanti progetti da sostenere. Borgomanero dà i numeri e ospita un evento benefico e goloso. Infatti sabato 4 novembre dalle 20 nel centro Don Luciano Lilla in frazione Santa Cristina sarà il momento di «5 Tapuloni per 1 progetto». Una sfida gastronomica quindi per eleggere la migliore versione del piatto agognino più antico. A promuovere la serata quattro associazioni del territorio che si dedicano al sociale. Si tratta infatti di Anffas Borgomanero Onlus, Gazza Ladra, Terre della Croatina Cascinarmangiando e San Bernardo. Il tutto col sostegno della Fondazione Comunità Novarese Onlus, che collabora con tutte le organizzazioni coinvolte. Per partecipare alla cena è necessario prenotare entro giovedì 2 novembre chiamando i seguenti numeri: 0322.804319 e 328.75676723.

Cena benefica tapulone
Aperte le iscrizioni per la sfida dei tapuloni a Borgomanero

 

Una tradizione antica

Secondo le leggenda la ricetta del Tapulone è contemporanea alla fondazione di Borgomanero. La tradizione racconta che nel XII secolo un gruppo di pellegrini di ritorno dal Lago d’Orta. Affamati si fermarono in un luogo disabitato, dove oggi sorge la città. Lì quindi sacrificarono il loro asino per potersi sfamare. La carne fu spezzettata con un coltello e cotta a lungo nel vino. I rappresentanti dei rioni di Borgomanero per l’occasione si metteranno ai fornelli per cucinare cinque diversi Tapuloni. Una giuria tecnica e una giuria popolare proclameranno il migliore. La cena è composta da un ricco menu: aperitivo, i cinque tapuloni con polenta, zola e toma, dolce e bevande. Costo 20 euro.

Leggi anche:  Bambino intrappolato liberato dai pompieri in centro città

Il sostegno della FCN

Tutto il ricavato sarà devoluto alle associazioni e ai progetti delle quattro realtà che la Fondazione Comunità Novarese sostiene. «Iniziative come queste – commenta il presidente FCN Cesare Ponti – rappresentano perfettamente il senso del nostro operare. Non solo perché testimoniano l’importanza del “fare Rete” ma anche perché sono l’esempio concreto del nostro motto #faiconnoi. Con tutte le quattro associazioni abbiamo avuto modo di portare avanti dei progetti. Le idee che si sono concretizzate sono motivo di orgoglio e fiducia verso il futuro. La speranza è che sempre più organizzazioni si rivolgano alla Fondazione per proporci idee e realizzare insieme progetti».