Croce Rossa Arona vola sempre più in alto: arriva una nuova ambulanza a quattro ruote motrici e un drone per la ricerca dispersi.

La Croce rossa le novità

C’è grande attesa per l’evento che si svolgerà l’11 novembre alle 14.30 nella cornice del parco della Rocca. Verrà presentata l’ambulanza quattro ruote motrici donata dal Centro Commerciale San Martino 2 e al contempo una grande novità: il nuovo il drone che affiancherà le quadre nella ricerca dispersi.

Cosa sono i droni

I droni, piccolo velivoli radiocomandati che consentono riprese aeree e molto altro, da qualche tempo vengono utilizzati da alcune sezioni “pioniere” della Croce rossa italiana per le attività di ricerca e soccorso in caso di disastri e catastrofi. La Croce rossa italiana può infatti vantare il “Progetto Sapr”, il primo grande programma nazionale per l’utilizzo dei droni in aree critiche.

Il presidente Michele Giovannetti

“Si tratta di un drone professionale con telecamera termica a infrarossi capace di rilevare le differenze di temperatura. Se ad esempio in un bosco la temperatura generale è di pochi gradi e il drone rileva la presenza di un “corpo” con una temperatura superiore è possibile che lì ci sia una persona, e lo stesso vale sott’acqua. Abbiamo formato tre piloti – aggiunge Giovannetti – e ottenuto le procedure Enac. Questo non è assolutamente un gioco e vanno rispettate le procedure”.