Discarica sequestrato Aina e Crivelli chiedono la verità.

Discarica sequestrata a Cerano: le domande dei politici

Non sono tardati i commenti dei politici sul sequestro della discarica di Cerano grazie all’intervento dei carabinieri forestali. L’area, di ben 8mila metri quadrati, contiene rifiuti pericolosi e non. In più il responsabile della discarica, residente proprio a Cerano, gestiva anche il deposito in modo abusivo senza nessun permesso.

Dal consiglio

A non spiegarsi il silenzio dell’amministrazione è il consigliere Monica Aina: “In casi come questi il Comune deve attivarsi per ordinare la bonifica dell’area interessata;  in più se i colpevoli della violazione non dovessero provvedervi, è il Comune a doversi attivare direttamente sui trasgressori”. Non a caso è stato chiesto al sindaco di riferire quali misure siano già state messe in atto e se le voci di una massiccia presenza di amianto corrispondono al vero.

Dalla provincia

Immediato anche il commento dalla Provincia. A esprimersi il consigliere Andrea Crivelli: “Insieme ai Consiglieri Ivan De Grandis, Michela Leoni, Massimo Marcassa e Luca Piantanida chiesto alla Provincia copia di tutta la documentazione relativa a questa grave situazione e abbiamo chiesto al presidente di riferire in consiglio in merito alla necessità di bonifica dell’area interessata e quali provvedimenti intende prendere la Provincia”.