Djalali Ferrara: è stato condannato a morte senza possibilità di appello. Resta solo la grazia. Ferrara: “Alfano convochi l’ambasciatore iraniano”.

Djalali Ferrara: l’intervento

“Apprendiamo – scrivono i senatori Ferrara, Manconi e Cattaneo – che il ricercatore di nazionalità iraniana Ahmadreza Djalali, condannato a morte nel suo Paese, sarebbe destinato irrevocabilmente all’esecuzione capitale. In quanto sarebbe esaurita ogni possibilità di appello o di revisione del giudizio. Tutto ciò è avvenuto fuori da ogni forma di controllo da parte dell’opinione pubblica internazionale. E, infine, con procedure che sono rimaste segrete”.

Resta solo la grazia

“Ieri si è riunito il Consiglio Superiore per i Diritti umani della Repubblica Islamica dell’Iran. – continuano i senatori – E alla presenza dei rappresentanti dell’Unione Europea e delle nazioni maggiormente interessate alla sorte del ricercatore (Italia, Belgio e Svezia), è stata confermata la condanna a morte. Senza alcuna possibilità di ricorso ad ulteriore grado di giudizio tranne che l’eventualità della concessione della grazia. Da oltre un anno abbiamo seguito la vicenda del dottor Djalali insieme ai suoi colleghi italiani ed europei esperti in medicina dei disastri”.

Leggi anche:  Novara pride iniziato: le prime foto del corteo

Esito tragico

“La situazione sembra avviata ad un esito tragico. – concludono Ferrara, Manconi e Cattaneo -. Chiediamo, di conseguenza, che il nostro Paese sia promotore di un urgente rafforzamento della mobilitazione internazionale. E quindi che il nostro Ministero degli Esteri convochi l’ambasciatore Iraniano a Roma per chiedere conto di quello che appare un atto di grave violazione dei diritti fondamentali della persona”.