Dorme sul tir Genna Diy, l’autista del secondo camion che trasportava il carico speciale quella maledetta notte del 23 maggio scorso. Lo riportano i colleghi de ilcanavese.it.

Dorme sul tir

Genna Diy non può abbandonare il suo camion, deve vigilare che durante la notte nessun malintenzionato si avvicini al carico che trasporta. Sono ormai due settimane che il tir è fermo ad Arè, dopo che lo scorso 23 maggio l’altro camion con cui stava effettuando il viaggio è stato travolto dal treno regionale 10027 causando il deragliamento del convoglio e la morte di due persone, oltre al ferimento di altre 23.

Una famiglia che lo aspetta

Il suo collega, l’autista del mezzo travolto dal treno, Darius Zujis è tornato a casa, in Lituania e per ora resta l’unico indagato della vicenda. Anche Genna Diy spera di poter tornare presto in Lituania, dove ad attenderlo ci sono sua moglie e suo figlio di 19 anni. L’azienda austriaca per cui lavora lo obbliga a sorvegliare il carico e lui ormai da due settimane, ogni notte dorme proprio sul camion.

Leggi anche:  Treno deragliato: eccezionali foto con drone

La solidarietà dei calusiesi

Appena hanno saputo della sua presenza sul tir gli abitanti di Arè, gli assessori e il sindaco di Caluso Maria Rosa Cena, si sono adoperati per aiutarlo, L’amministrazione ha messo ha disposizione un’alloggio dove potesse andare a riposarsi e cambiarsi, e gli ha dato dei buoni pasto per poter mangiare. Genna ha accettato l’aiuto e la solidarietà dei canavesani ma continua a dormire in cabina per sorvegliare il carico.

 

QUI I MOTIVI PER I QUALI IL TIR NON PUO’ MUOVERSI.