Gattico rinuncia alla classica sfilata dei carri di Carnevale a causa delle norme imposte dal Governo sulla sicurezza.

Gattico rinuncia alla più bella delle tradizioni

E’ dei giorni scorsi la notizia della decisione dell’Amministrazione di non proporre per quest’anno una delle più belle tradizioni legate al Carnevale. Infatti dopo un’attenta riflessione il sindaco Andrea Zonca e i suoi collaboratori hanno deciso di rinunciare alla sfilata dei carri. La manifestazione richiama da anni moltissime persone da tutto il circondario, ma a causa delle norme stabilite dal governo per quanto riguarda la sicurezza negli eventi pubblici, non potrà più essere considerata sostenibile.

Il problema è rappresentato dai costi e dalle certificazioni

Il sindaco ha deciso di spiegare pubblicamente le ragioni della sua scelta. “E’ davvero a malincuore – dice infatti Zonca – che abbiamo preso la decisione di non realizzare la sfilata dei carri di Carnevale. Le abbiamo provate tutte, ma purtroppo sarebbe stato impossibile richiedere la presenza alla sfilata di carri certificati come richiede la legge emanata all’indomani dei fatti di Torino”.

Leggi anche:  Mercato agricolo a Meina: il debutto è stato un successo

Ma la festa non si fermerà

Nonostante le difficoltà però l’Amministrazione ha intenzione di proporre comunque una festa di Carnevale per tutti i gusti. “Ad ogni modo – prosegue Zonca – non abbiamo intenzione di mollare del tutto. Organizzeremo comunque una festa pensata per grandi e piccini. L’evento sarà organizzato probabilmente per sabato 10 febbraio e prevederemo un momento dedicato ai bambini, in un orario consono alla loro età, nel quale si terrà una sfilata in costume seguita dalla premiazione delle mascherine più belle. Poi la sera ci sarà probabilmente anche un apericena per i più grandi. A malincuore abbiamo dovuto rinunciare ai carri, ma vogliamo comunque coinvolgere nei festeggiamenti più persone possibili”.