Pasto domestico bocciato per le criticità e una recente sentenza

Il Comune di Novara dice no al pasto domestico nelle Scuole dell’infanzia e nelle Scuole primarie cittadine. “La decisione è stata presa conseguentemente alle numerose perplessità manifestate da parte del tavolo tecnico (composto, oltre che dai vertici del Servizio Istruzione, anche dai rappresentanti degli Istituti comprensivi cittadini, del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’Asl No e della ditta appaltatrice del servizio di ristorazione) oltre che suffragata anche da una recentissima sentenza (25 maggio) del Tribunale di Napoli che, rigettando un ricorso, ha messo in luce le oggettive difficoltà organizzative del pasto domestico nelle scuole”, spiega una nota di palazzo Cabrino.

All’indagine conoscitiva avviata a dicembre, dopo il caso di Torino avevano risposto positivamente solo 97 famiglie su una popolazione scolastica di circa cinquemila alunni. Le criticità gestionali emerse in sede di tavolo tecnico e la sentenza del tribunale campano hanno definitivamente convinto il Comune a desistere dalla sperimentazione.