Ospedale premiato tra i centri accreditati per  l’integrazione tra oncologia e cure palliative.

Ospedale premiato

Rivoluzione nell’assistenza in campo oncologico e palliativo novarese, che ha portato a un significativo riconoscimento internazionale: l’Aou di Novara è stata inserita dall’Associazione europea di oncologia medica (Esmo) tra i centri accreditati per l’integrazione tra oncologia e cure palliative (185 in tutto il mondo, 38 in Italia di cui 2 in Piemonte). La certificazione è stata consegnata ufficialmente a Madrid, nel corso del congresso Esmo di quest’anno.

Le motivazioni

Nel corso del 2017 è stato realizzato un nuovo percorso clinico condiviso tra i servizi di Cure palliative e di Oncologia medica. Concretizzata così la visone più moderna dell’integrazione tra cure palliative e oncologia: le Simultaneous Care. Questo approccio segna un passaggio culturale importante. In passato il trattamento oncologico e quello palliativo infatti avevano finalità differenti ed erano applicati in momenti diversi del percorso di malattia. Ora, ai malati, è garantito l’accesso precoce alle cure palliative, in contemporanea ai trattamenti oncologici. Questo per ridurre l’impatto sulla vita quotidiana dei sintomi della malattia e degli effetti collaterali della terapia oncologica.

Leggi anche:  In Consiglio comunale l'approvazione per i sottopassi ferroviari

Come funziona

Il paziente, se necessario, viene inviato  dall’oncologo al Servizio di cure palliative, dove è stato realizzato un ambulatorio dedicato (nella sede staccata di viale Piazza D’Armi, l’ex San Giuliano). Il progetto, guidato dai direttori delle due strutture,  Elvira Catania e Marco Krengli, si è dunque concretizzato nell’assistenza di circa 200 pazienti a meno di un anno dall’inizio della fase operativa. Il concetto di Simultaneous care si declina con evidenza in due punti chiave e cioè la stretta collaborazione tra oncologo e palliativista e la condivisione del percorso clinico in tutte le sue fasi. Per questo è in realizzazione un progetto di costante integrazione con le cure palliative anche per i pazienti ricoverati nel reparto di Oncologia medica.