Risorse per le province non giustamente ripartite secondo Forza Italia. Ad essere penalizzato, secondo i tre presidenti delle Province di Alessandria, Asti e Vercelli, Gianfranco Baldi, Marco Gabusi e Carlo Riva Vercellotti, sarebbe proprio il Piemonte.

Le risorse

La denuncia riguarda il fondo del Governo da circa 400 milioni di euro per le province, di cui 23 milioni di euro andranno al Piemonte. Alla Provincia di Novara 1,8 milioni di euro.
«Mi chiedo quale sia la logica. – Sottolinea l’eurodeputato Alberto Cirio – Per comprendere l’assurdità di questa ripartizione basta fare un confronto tra le risorse assegnate al Piemonte e quelle date ad altre regioni. Il massimo della follia è la Provincia di Prato che riceverà in tutto oltre 5 milioni a fronte di 78 km di strade. La Provincia di Novara, che ha 10 volte più strade, riceverà solo 1,8 milioni di euro. Il Piemonte non ne può davvero più. Ogni anno paghiamo a Roma 10 miliardi di euro in più di quelli che riceviamo. Questa è l’ennesima prova che dobbiamo ricontrattare con Roma il nostro ruolo di regione italiana».

Le richieste

«Pur apprezzando il tentativo dell’Unione Province d’Italia di correggere gli errori del Governo, oggi la situazione è diventata insostenibile. Siamo i più penalizzati d’Italia e, peggio, ci sentiamo abbandonati da chi dovrebbe difendere gli interessi del Piemonte. – Sottolinea Carlo Riva Vercellotti – Chiederemo alla Regione Piemonte di presentare ricorso, perché i criteri inseriti nella Legge di Bilancio sono incostituzionali e violano l’art. 3 della Costituzione con disuguaglianze profonde».
«Questa ripartizione è basata su criteri assolutamente non oggettivi e ingiusti. – Sottolinea il coordinatore regionale di Forza Italia Gilberto Pichetto – Criteri che non tengono conto di spese reali, come ad esempio quelle antigelo che in Piemonte sono una delle spese principali. In pratica siamo la regione con più km di strade, quella che spende di più per manutenerle, ma che per assurdo prende meno risorse dallo Stato».