Casa domotica, quanto ci piace il termine? Sì, negli ultimi anni questo fenomeno è stato un vero e proprio trend in ascesa. Ma che cosa significa? Grazie ad un sistema di automazione la nostra casa può diventare «intelligente»: praticamente sono misurati i consumi energetici (e messi in pratica in modo intelligente), la temperatura, viene gestito l’impianto di sicurezza e l’automazione domestica.

Controllo via smartphone

Un’infinità di funzioni, da scoprire, da comandare a distanza, da programmare. Detto che la domotica è un’invenzione stupenda e capito di che cosa si tratta ci resta soltanto da comprendere il perché potrebbe essere opportuno il suo utilizzo. Anche in questo caso possiamo dunque partire dal risparmio energetico: gli elettrodomestici sono per esempio programmabili in base alla presenza o meno in casa di persone. Addio dunque alle luci accese con la casa vuota. Poi c’è il capitolo sicurezza: telecamere controllabili via smartphone e sensori che permettono di rilevare eventuali incendi e fughe di gas. A trarne beneficio sono anche anziani e disabili: la casa grazie alla domotica può diventare più funzionale ed accessibile. Di conseguenza ecco anche maggiori vantaggi in termini di comfort. E non preoccupatevi: grazie ad interfacce davvero semplici e intuitive chiunque è in grado di «comandare» la propria abitazione.

Leggi anche:  Come scegliere il divano perfetto

Casa domotica per tutti

L’impatto iniziale potrebbe non convincervi: installare un sistema demotico in casa è sicuramente più costoso rispetto a non averlo. Ma le differenze, come elencate in precedenza, sono parecchie. La ciliegina sulla torta è un vero risparmio tangibile sul lungo periodo per quanto riguarda la spesa energetica: si tratta dunque di un investimento, ammortizzabile nel corso del tempo.