Comprare casa non è certo operazione da poter compiere in modo superficiale, soprattutto quando a fare un passo tanto importante è una coppia di sposi giovane e con tante ambizioni, certamente, ma liquidità al momento ridotte. Ecco dunque qualche consiglio su come scegliere bene e pianificare l’investimento.

Dai contanti al mutuo

Prima di tutto ricordatevi che se non potete pagare in contanti e siete costretti a ricorrere a un mutuo, l’acquisto della casa, nuova o ristrutturata, è un’esperienza che presuppone un rapporto di fiducia con la vostra banca o con un addetto ai lavori che sia in grado di accompagnarvi passo per passo all’investimento. La vostra banca o altra banca di fiducia, potrebbe ricoprire un ruolo significativo mettendo a vostra disposizione tutta la sua competenza. Per esempio nel quantificare le vostre entrate, nel valutare il vostro patrimonio (somme liquide, titoli da smobilizzare, altro immobile in vendita). O nel calcolare il reddito del nucleo familiare che state per formare con la vostra dolce metà, nonché la capacità di risparmio attuale e futura.

L’importo esatto

Sempre tramite la banca che vi concederà il mutuo potrete compiere l’indispensabile passo di valutare l’importo esatto dell’investimento. Non consiste solo nel costo dell’appartamento, ma nella somma di molteplici altre voci di spesa alle quali, firmando il rogito, inevitabilmente non si potrà sfuggire. Al prezzo dell’immobile, infatti, dovrete necessariamente aggiungere le imposte, la provvigione per l’intermediazione (solitamente pari al 3% dell’importo), le spese del notaio, i costi per l’eventuale ristrutturazione e quelli per il trasloco.

Leggi anche:  Tetto ventilato, scopriamo la nuova frontiera per la casa

Quindi comprare casa o no?

Altro passo indispensabile da compiere è quello di valutare l’acquisto che state per effettuare. Anche in questo caso un ruolo importante potrebbe essere ricoperto dall’istituto di credito che potrà suggerire il nome di un perito qualificato, oppure potrete voi stessi rivolgervi a un perito di fiducia. Infine, per cominciare a capirci qualcosa di più, è indispensabile un incontro preliminare con chi vi venderà l’immobile che desiderate; alla banca spetta il compito di offrirvi ogni informazione sui prodotti (mutui, finanziamenti ecc.), sui costi, sulle opportunità che trovate a vostra disposizione. La stessa banca verificherà la coerenza della rata definita con il reddito. Fatto tutto questo avete davanti a voi il difficile passo della decisione finale… Il dubbio, arrivati a questo punto, è amletico: comprare o no? La risposta affermativa richiede senza dubbio uno sforzo importante, ma può anche dare grandi soddisfazioni.