Pavimento in terra cruda? E’ la soluzione migliore se desiderate una casa secondo natura. I pregi sono diversi. Innanzitutto è un ottimo regolatore dell’umidità ambientale, è molto resistente al calpestio, non fa polvere, è adatto a tutti gli ambienti domestici ed è un ottimo accumulatore di calore. I pavimenti di argilla utilizzano come materie prime esclusivamente materiali naturali, non contengono nel modo più assoluto sostanze chimiche o resine sintetiche ed esteticamente sono accoglienti e caldi, ma allo stesso tempo moderni.

Pavimento in terra cruda

Grazie all’alta elasticità di questo rivestimento è possibile realizzare grandi metrature senza eseguire giunti di dilatazione, nemmeno sopra un impianto di riscaldamento a pavimento. E’ perfetto il suo impiego in ambienti bagno e wellness, dove è sempre presente una forte umidità e dove le fughe diventano punti critici per le infiltrazioni d’acqua. La palette cromatica è vasta e la posa manuale del materiale permette di ottenere infiniti effetti, dal materico al più liscio e vellutato. La combinazione tra colore e lavorazione determina una infinita gamma di finiture, rendendo ogni ambiente unico e originale.

Leggi anche:  Che cosa è il bioarredamento e a che cosa serve

Il metodo di posa

Il metodo di posa prevede una prima stesura della base miscelata con acqua a cui fa seguito una seconda di finitura. Poi le superfici vengono trattate ad olio e cera naturale. Per la stesura della finitura e il consolidamento con l’olio sono necessari circa 20 giorni. Una buona maturazione della superficie richiede circa 2 o 3 mesi dal trattamento finale con l’olio. Durante questo periodo la superficie è calpestabile. Ma è bene evitare che carichi consistenti siano applicati su piccole superfici per evitare di lasciare dei segni o delle ammaccature.