La famiglia del bambino dimenticato sul mezzo parla tramite il suo avvocato.

Bambino dimenticato sul bus: “Era terrorizzato”

Continua a fare discutere l’episodio di Castelletto Ticino. Un bambino della scuola materna è stato dimenticato sullo scuolabus. La sua famiglia ha dato mandato a un avvocato per valutare le vie legali. L’avvocato ha, con una lettera, comunicato lo stato d’animo della famiglia. La lettera è destinata ad avere un seguito nella discussione nel circondario sulla questione.

Le parole di condanna dell’avvocato della famiglia

“Il gravissimo episodio risalente allo scorso 30 novembre – scrive quindi il legale nel documento – ha gettato nello sconforto la famiglia del minore, vittima della ingiustificabile negligenza di un soggetto incaricato di svolgere un unico compito: sorvegliare e accompagnare i minori a scuola”. L’avvocato contesta, nella lettera, anche la versione dei fatti data dal Comune e dai responsabili del servizio. Un aggiornamento dettagliato sulla questione sul Giornale di Arona in edicola da oggi, venerdì 8 dicembre.