Diede fuoco alla zia nella vasca da bagno. Il tribunale ha imposto agli aggressori un anticipo di risarcimento di 88mila euro.

Diede fuoco alla zia, confermata la condanna

La Corte di appello ha confermato la condanna a 8 anni e 2 mesi a carico di Alessandro Michele Cirillo. L’uomo, 35 anni di Cerano, nel giugno 2016 picchiò e cercò di incendiare con l’alcol l’anziana zia dopo averla costretta a mettersi nella vasca da bagno. L’uomo era accusato di lesioni gravi e appropriazione indebita, reato contestato anche alla moglie perché si era presa i soldi della pensione della parente.

La zia si era salvata, riuscendo a uscire in strada completamente nuda. Ma adesso è semiparalizzata in una struttura protetta. Per questo il tribunale ha imposto agli aggressori un anticipo di risarcimento di 88mila euro.