Incendio Casaleggio: sembrava un banale rogo domestico ma le cause si sono rivelate ben diverse. Qui tutti i dettagli dell’incredibile storia.

Incendio Casaleggio i fatti

Erano stati i Vigili del Fuoco di Novara a chiedere l’intervento dei militari dell’Armapresso l’abitazione di via Cavour a Casaleggio, ove erano entrati per domare le fiamme. I pompieri avevano subito avuto modo di accorgersi che in quella casa c’era qualcosa di decisamente “strano”.

Le indagini

L’intervento e le immediate indagini condotte dai Carabinieri di Fara Novarese hanno consentito, dopo una serie di accertamenti, di identificare e trarre in arresto la persona che aveva la disponibilità dell’immobile. All’ interno è stata rinvenuta una vera e propria “serra” artigianale costituita da 6 cabine schermate complete di sistema di ventilazione, umidificazione e riscaldamento. Necessari alla crescita di 22 piante di marijuana coltivate in vaso, dell’altezza variabile tra i 50 cm ed un metro e mezzo. Nonché 350 grammi di foglie essiccate e materiale vario atto alla produzione e al confezionamento dello stupefacente.

Leggi anche:  Novara: cartello shock annuncia bocconi avvelenati

Il denaro

Nel corso delle indagini, oltre allo stupefacente è stata sequestrata la somma contante di 1.435 euro ritenuta di sospetta provenienza.
L’arrestato, D.V., 40enne residente a Novara, è stato infine associato presso la locale casa
circondariale a disposizione dell’autorità giudiziaria.