L’episodio risale a prima di Natale: incidente di caccia nei boschi tra Ghemme e Cavaglio D’Agogna.

Tragedia sfiorata pochi giorni prima di Natale

Nelle stesse lande boschive che quest’autunno erano state il teatro dell’omicidio di Gian Carlo Baragioli, l’uomo che stava raccogliendo funghi e castagne assieme alla moglie ucciso dal colpo di fucile di un cacciatore, si stava per ripetere la tragedia. Infatti un altro uomo è stato raggiunto dal colpo del fucile di un cacciatore. Nello specifico si è trattato di due cacciatori che erano andati insieme a cacciare.

I rumori e lo sparo

I due erano andati a caccia insieme, in un giorno infrasettimanale. La decisione di dividersi per prendere più prede però non è stata una buona idea: uno dei due cacciatori, sentendo rumori provenire dalla boscaglia, ha imbracciato la sua arma e ha fatto fuoco. Peccato che al posto di un cinghiale o di un animale selvatico ci fosse il suo compagno di caccia. Fortunatamente non è in pericolo di vita. E’ stato portato al Maggiore della Carità di Novara.

Leggi anche:  Principio di incendio alla Sartoria Nervesa

Le conseguenze del gesto

Sul posto, oltre al personale del 118 che ha soccorso la vittima, anche una pattuglia dei carabinieri della compagnia di Arona. I militari stanno indagando su quanto accaduto. L’incidente di caccia infatti ora probabilmente avrà dei risvolti legali per chi ha sparato.