Incidente Meina: a pochi giorni dallo scontro la notizia che nessuno avrebbe voluto sentire: Massimo Borghini è morto.

Incidente Meina: dopo lo schianto una tragedia imprevista

Si è conclusa con una tragedia la vicenda legata all’incidente avvenuto nella serata di mercoledì 8 novembre tra Lesa e Meina. Della dinamica del sinistro, che aveva causato disagi non indifferenti al traffico, avevamo parlato in un articolo pubblicato all’indomani dello scontro. Da quelli che erano i primi rilievi dei vigili del fuoco di Arona, intervenuti immediatamente sul posto, l’incidente non sembrava essere gravissimo. E invece, le condizioni di uno degli occupanti delle due auto coinvolte erano peggiori di quanto si potesse pensare.

La corsa in ospedale

Subito dopo lo scontro sul posto erano intervenuti immediatamente i vigili del fuoco insieme ai carabinieri e al personale medico del 118. Gli occupanti delle due auto sono stati estratti dalle vetture e portate in ospedale a Borgomanero. E’ qui che Massimo Borghini, 65enne di Omegna, è caduto in coma. Vani i tentativi dei medici di salvargli la vita: l’uomo è morto dopo poco.

Leggi anche:  Bimbo morto al Manzoni, disposta l’autopsia

I carabinieri indagano sulle cause

La vicenda resta poco chiara e i carabinieri del nucleo Radiomobile della compagnia di Arona stanno indagando. Ieri, martedì 14 novembre, si è svolta l’autopsia sul corpo dell’uomo. I risultati dell’esame serviranno a determinare effettivamente che cosa possa aver causato la morte dell’uomo.