Fu il fondatore dell’unità coronarica del Maggiore della Carità: Novara piange Paolo Rossi, morto a 90 anni.

Il funerale sarà mercoledì 3 gennaio

E’ morto domenica 31 dicembre, all’età di 90 anni, Paolo Rossi proprio nell’unità coronarica che aveva fondato. Paolo Rossi è stato infatti il principale fautore del reparto di cardiologia dell’ospedale gaudenziano. Aveva infatti istituito lui l’unità coronarica novarese. Il funerale sarà celebrato nella parrocchiale di San Martino alle 14, mercoledì 3 gennaio.

La carriera iniziata a Roma al San Camillo

Il dottor Rossi aveva iniziato la sua carriera al San Camillo di Roma, dopo due anni di ricerca e lavoro al Cardiological Department del Philadelphia General Hospital diretto dal dott. Samuel Bellett che gli valsero la proposta della direzione della “Heart Station” e la relativa cittadinanza statunitense. Ma Rossi volle tornare in Italia, dove vinse il concorso degli Ospedali Riuniti di Roma ed entrò come aiuto cardiologo effettivo nella divisione di Cardiologia dell’Ospedale San Camillo.

Leggi anche:  Scontro tra bici e un'auto a Dormelletto

A Roma istituì la prima unità coronarica nel 1964

Rossi realizzò a Roma la prima unità coronarica in Italia nel 1964. Nel 1972 arrivò a Novara, su invito dalla direzione per realizzare un’unità cardiologica fino ad allora inesistente. Pochi mesi dopo impiantò il primo pacemaker. Rossi fu delegato regionale piemontese dell’Associazione nazionale dei medici cardiologi ospedalieri. Dopo la pensione, nel 1994, Rossi fu in Albania per aiutare con la sua professione la popolazione.