“Vengo sotto casa tua e mi impicco”. L’uomo, di Briona, ha mandato una lettera insanguinata dal carcere alla sua ex di Grignasco.

“Vengo sotto casa tua”, la donna è terrorizzata

Come raccontano i colleghi di notiziaoggi.it, la donna si è vista recapitare a casa una lettera dall’ex in carcere macchiata di sangue e con una scritta allarmante. «Esco, vengo sotto casa tua e mi impicco». Lei è di Grignasco, terrorizzata per quanto successo, ma anche per l’episodio di violenza che ha subito.

Lo scorso 24 settembre la donna era andata con la madre 88enne a trovare il compagno di allora, un 45enne che era agli arresti domiciliari nella sua casa di Briona. Al momento di uscire però l’uomo ha iniziato a dare in escandescenze, non voleva che le due donne andassero via, aveva anche nascosto le chiavi dell’auto.

Intervennero anche i carabinieri

Erano intervenuti i carabinieri che a fatica riuscirono a fermarlo. Alla fine il 45enne era stato nuovamente arrestato con l’accusa di rapina, lesioni nei confronti della madre della ex compagna spinta a terra e resistenza a pubblico ufficiale verso i militari intervenuti.
Nei giorni scorsi in tribunale si è celebrato il processo nei confronti dell’uomo difeso dall’avvocato Pamela Ranghino del foro di Novara. L’uomo ha chiesto gli arresti domiciliari. In carcere ha pure tentato di tagliarsi le vene proprio per uscire. L’udienza proseguirà la prossima settimana sentendo l’anziana che era stata spintonata a terra.