Che cos’è lo sgabeo? Focacce e pane sono un vero e proprio must per chi ama il buon cibo. E la variante dello «sgabeo» è conosciuta da tutti come una prelibatezza tipica che non si può rifiutare. Pasta di pane fritta e dorata in olio d’oliva, in strisce lunghe circa 20 centimetri e larghe 3, poi tagliata a metà e farcita con prosciutto crudo o formaggio. Ma anche da solo, lo sgabeo è una bontà assoluta.

Che cos’è lo sgabeo?

Si tratta di un alimento che ha origini in val di Magra, nell’estremo Levante ligure, come pane fritto, usando la pasta avanzata dalla produzione del pane. A questa veniva aggiunta farina gialla che rendeva così la pietanza croccante e asciutta. Oggi non è difficile trovarli come antipasto o seconda portata in qualche ristorante dello spezzino o della Lunigiana.

Ipotesi Doc

L’idea che è circolata di recente è quella di trasformare questi prodotti tipici del territorio in altrettanti marchi «Doc». Non è facile ottenere la certificazione per l’origine controllata e solitamente varie zone o enti se ne disputano l’esclusiva. Ma cominciare a parlarne sarebbe già un passo avanti.