Affitti universitari è stata approvata l’istituzione di un Fondo rotativo per il pagamento del deposito cauzionale nei contratti d’affitto, a disposizione degli studenti fuori.

Affitti universitari le cifre

Ad oggi la dotazione del Fondo è pari a 400 mila euro, una somma che verrà presto integrata anche dal Comune di Torino. Il bando è stato aperto a ottobre e la scadenza di presentazione della domanda è prevista per il 15 novembre 2017.

L’intervento dell’assessore Cerutti

“Si tratta di una misura fortemente richiesta dagli studenti e dalle studentesse. – ha sottolineato Monica Cerutti, assessora regionale al Diritto allo studio universitario, durante la presentazione presso il Comune di Torino – E’ in linea con la politica della Giunta regionale di costruire un sistema universitario attrattivo che abbia un welfare all’altezza delle necessità degli studenti. Un impegno iniziato nel 2014. Questo vede nel Fondo rotativo l’avvio di una sperimentazione virtuosa per offrire una risposta efficace al problema abitativo degli universitari”.

Leggi anche:  Eccellenza artigiana: ecco tutti i premiati

I posti letto

EDiSU ha una dotazione di circa duemila posti letto. Questa non consente quindi di soddisfare la totalità delle richieste e rende necessario, per molti fuori sede, il ricorso al mercato delle locazioni. Il Fondo offre così la possibilità di ottenere un prestito per coprire le due mensilità di cauzione richieste nei contratti d’affitto, fino a un massimo di 800 euro. Gli studenti che potranno accedere alla misura devono aver fatto domanda di borsa di studio e servizio abitativo. Devono essere iscritti al primo anno di laurea, laurea magistrale, o di laurea ciclo unico, essere quindi fuori sede e presentare, infine, un regolare contratto di locazione.