Materna ristrutturata a Dormelletto: il rifacimento della Coniugi Tesio è costato circa 119mila euro.

Materna ristrutturata con un lavoro di due anni

Dopo un primo intervento portato a termine nel corso dell’anno appena concluso, l’Amministrazione è tornata a investire ingenti cifre sulla scuola materna del paese. E se l’anno scorso il Comune si era concentrato sulle stanze interne della struttura, che sono state ritinteggiate con colori freschi e adatti ai bambini, questa volta è toccato all’esterno. Infatti l’Amministrazione ha rifatto completamente il cappotto della scuola Coniugi Tesio, così come i serramenti e le tapparelle. Nell’ottica del risparmio energetico sono stati aggiunti poi anche dei doppi vetri.

Ora è stato aperto il cantiere alla palestra

Ma le novità non riguardano solo la scuola materna del paese. Infatti l’Amministrazione ora si sta concentrando sulla palestra collocata al fianco della scuola primaria. La struttura era fortemente rovinata e si facevano sentire gli effetti negativi di una infiltrazione d’acqua piuttosto massiccia. L’ambiente non era più salubre e quindi era diventato necessario un intervento. Per questo, sfruttando la possibilità di sforare il patto di stabilità garantita dal Governo per quei Comuni che investono sull’edilizia scolastica, il Comune ha deciso di intervenire. Anche in questo caso l’intervento, avviato da poco, costerà circa 120mila euro. Lungo tutto il perimetro della struttura è stata scavata una trincea con delle guaine che hanno permesso di impermeabilizzare tutta la palestra. In seguito si procederà alla tinteggiatura dei muri.

Leggi anche:  Pagelle scuole: come se la cavano Arona e Borgomanero

La soddisfazione del sindaco

Naturalmente la conclusione dei lavori alla materna e l’avvio di quelli alla palestra ha fatto registrare la soddisfazione del sindaco. “I genitori e i bambini hanno apprezzato molto l’intervento alla scuola – dice Lorena Vedovato – tant’è che ora il numero degli iscritti dell’istituto è raddoppiato e ci troviamo purtroppo nelle condizioni di dire che non c’è più spazio per nuove iscrizioni al momento”.