Dimissioni Polo Friz, per Antonino Muscarà “gatta di cova” e qualcosa non torna.

Dimissioni Polo Friz, l’intervento di Muscarà:

“Apprendo dalla stampa che Polo Fritz rientra in giunta con meno deleghe rispetto a quelle che aveva in precedenza: polizia locale, sicurezza e viabilità, lasciando urbanistica e lavori pubblici in mano al sindaco (che già ha la delega del bilancio).

Il dubbio

“Ma Polo Fritz non si era dimesso per problemi di lavoro che lo portavano spesso all’estero? Se le sue dimissioni erano state giustificate per motivi di lavoro, cosa cui ho dato credito, che senso ha ora ritornare in giunta anche se con meno deleghe? Sono venuti meno i motivi di lavoro? O semplicemente i veri motivi delle originarie dimissioni erano altri e che, quindi, vorremmo sapere”.

In conclusione

“Ci verrà risposto che con meno deleghe l’assessore può conciliare il proprio lavoro con il ruolo di assessore, di fatto ammettendo che le aree rimaste di competenza a Polo Fritz non meritino di un assessore “presente”: evidentemente per questa amministrazione non esiste ad
Arona alcun problema di viabilità né di controllo del territorio.”