Pace fatta tra i tre Comuni: presto sarà firmata la nuova convenzione per la scuola media Don Giuseppe Rossi.

Pace fatta tra Varallo, Divignano e Pombia

Dopo mesi di polemiche accese e trattative serrate tra le tre amministrazioni sembra essere finalmente raggiunto l’accordo per la nuova convenzione sulle scuole medie. L’istituto scolastico si trova nel territorio di Varallo Pombia, ma viene utilizzato, in virtù di una convenzione, anche dai ragazzi residenti a Pombia e Divignano. Dopo l’insediamento della nuova giunta, il sindaco divignanese Gianluca Bacchetta ha subito dichiarato non valido l’accordo raggiunto dal suo predecessore, e insieme al suo omologo di Pombia, Giovanni Grazioli, ha chiesto di rinegoziare la convenzione.

Nel mirino dei divignanesi i costi per la manutenzione straordinaria

Le Amministrazioni di Divignano e Pombia contestano in particolare gli accordi per la spartizione delle spese che riguardano la manutenzione straordinaria dell’immobile. “Alla fine siamo riusciti a far passare l’idea, condivisa con l’Amministrazione di Pombia – dice Bacchetta -secondo la quale noi siamo tenuti a pagare per la scuola in quanto istituzione a cui si rivolgono anche i nostri bambini. Ma non per mantenere l’edificio in sé, che invece è sul territorio di Varallo Pombia”. L’accordo è stato raggiunto nel corso di una riunione alla quale hanno partecipato Bacchetta, Grazioli e il vicesindaco di Varallo Barbara De Galeazzi.

Leggi anche:  Il Comune di Borgomanero si presenta ai nostri lettori VIDEO

I termini del nuovo accordo

La nuova convenzione che sarà approvata a breve accontenterà quindi soprattutto divignanesi e pombiesi. Le due Amministrazioni vedranno infatti ridotto il contributo dovuto per la scuola media dagli attuali 250 euro a bambino iscritto, ai 120 pro capite stabiliti insieme a Varallo Pombia. “La convenzione durerà cinque anni – dice De Galeazzi – e quindi ci sarà tutto il tempo e il modo per affrontare questa sperimentazione. Era importante a questo punto concludere e mantenere i buoni rapporti con i Comuni vicini”.