Che cosa è il colesterolo? Perché può danneggiare il sistema cardiocircolatorio? E’ possibile mantenerne sotto controllo la formazione nel nostro organismo facendo adeguata prevenzione? A queste e altre domande cercheremo di rispondere di seguito, arricchendo le informazioni con utili consigli in fatto di alimentazione. Il colesterolo è una sostanza essenziale per la vita. Infatti, in dosi normali, partecipa alla formazione delle cellule cerebrali, del cuore, della pelle, di molti ormoni importantissimi come quelli sessuali e della vitamina D indispensabile per fissare il calcio alle ossa.

Che cosa è il colesterolo?

C’è colesterolo e colesterolo. Il colesterolo totale nel sangue, è la somma delle lipoproteine HDL “colesterolo buono” e LDL “colesterolo cattivo”. Le lipoproteine LDL trasportano e distribuiscono il colesterolo in tutte le cellule del corpo ma quando esse sono in eccesso favoriscono la formazione della placca aterosclerotica (aterosclerosi). Le lipoproteine HDL esercitano i loro effetti benefici perché seguono il percorso opposto: prelevano il colesterolo in eccesso dalle cellule e lo trasportano al fegato. Di conseguenza le lipoproteine HDL tutelano la salute del cuore e del sistema cardiovascolare. Valori troppo bassi o troppo alti sia di HDL che di LDL ci espongono al rischio della malattia coronarica. Ecco che cosa è il colesterolo.

Le uova sono da bandire dalla nostra tavola? Falso.

E’ falso il concetto che non si debbano mangiare le uova quando si ha il colesterolo alto. L’uovo non è così calorico come pensiamo: 60 kcal per il tuorlo e 20 kcal per l’albume. Esso contiene certamente dei grassi saturi che sono in parte responsabili della comparsa di malattie cardiovascolari, ma la quantità è molto minore di quella contenuta in altri alimenti: tanto per fare un esempio un uovo sodo (del peso di circa 50 g) contiene 5,3 g di grassi contro i 18 grammi di grassi contenuti in 50 g di patatine fritte.

Dobbiamo bandire il formaggio? Falso

Il formaggio non deve essere bandito ma assunto in quantità moderata perché in una dieta a basso contenuto di colesterolo, è indispensabile limitare l’assunzione di acidi grassi saturi. Anche se il formaggio ne contiene, è possibile continuare a mangiarne se il suo consumo giornaliero non supera i 40 g per gli uomini e i 30 g per le donne. E ‘meglio concentrarsi sui formaggi a più basso contenuto di grassi (formaggi di capra, mozzarella, ecc.) ed evitare quelli a pasta dura, perché più ricchi di grassi.

Dobbiamo evitare la carne rossa? Vero

Alle persone con alti livelli di colesterolo si raccomanda di ridurre il consumo di carne rossa. Va precisato che alcune carni rosse sono più ricche di altre in grassi e colesterolo. In generale si consiglia di evitare le carni con un contenuto di grassi del 10% o superiore.

Leggi anche:  Dormire di notte fa bene alla salute e al matrimonio

Il pesce è un alleato che riduce il colesterolo? Vero

Da sempre i nutrizionisti consigliano di consumare pesce almeno 2-3 volte alla settimana per abbassare il colesterolo. Il pesce, in particolare quello grasso (sardine, sgombri), è ricco di Omega-3 e protegge contro le malattie cardiovascolari, contribuendo ad abbassare i livelli di trigliceridi nel sangue. Nel caso la dieta sia scarsa di pesce sono utilissime le perle di Omega-3 che costituiscono in questo caso un’integrazione alimentare indispensabile, a patto che esse corrispondano a precisi requisiti di purezza ed equilibrio tra le componenti EPA e DHA, i grassi insaturi indispensabili a mantenere nella normalità I livelli di trigliceridi e di colesterolo.

L’olio d’oliva può far parte dell’alimentazione? Vero

Alla base della dieta mediterranea, che mira a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, l’olio d’oliva riduce i livelli di lipidi nel sangue grazie al suo contenuto di acidi grassi monoinsaturi e acidi oleici. Anche se l’olio di oliva è da preferire al burro e alla margarina, che contengono il doppio di grassi saturi, esso è comunque un grasso: meglio non abusarne.

La mela abbassa il colesterolo? Vero

La mela è uno dei più validi alleati nelle diete a basso contenuto di colesterolo a causa del suo alto contenuto di pectina e fibra solubile, che riducono l’assorbimento di grassi e lipidi. Bassa in calorie (circa 38 kcal in 100grammi), la mela ha inoltre proprietà antiossidanti che aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Si consiglia un consumo di tre mele al giorno.

I cereali integrali abbassano il colesterolo? Vero

In caso di colesterolo elevato vanno privilegiati i carboidrati a base di farine integrali piuttosto che di farine raffinate. I cereali integrali sono ricchi di fibre solubili (es. beta glucani). Studi scientifici canadesi sulla crusca e sui fiocchi d’avena, hanno dimostrato la validità della assunzione regolare di cereali integrali.

La soia è un alleato indispensabile contro il colesterolo? Vero

La soia contiene proteine che riducono i livelli di lipidi nel sangue. Il consumo giornaliero di 25 g di proteine di soia combinato con una dieta povera di grassi abbassa il colesterolo cattivo (LDL) in maniera significativa. A questo proposito, la Food and Drug Administration (FDA USA) dal 1999 consente, sui prodotti a base di soia, l’applicazione di una etichetta che ne evidenzia i benefici per la salute.