I vantaggi del nuoto per i bambini. Sport completo per eccellenza, il nuoto permette un armonico sviluppo di tutto l’apparato scheletrico muscolare. Ecco alcune delle domande più frequenti relativamente alla pratica di questa disciplina. Qual è l’età più idonea per cominciare? L’acqua è l’ambiente naturale dei neonati che hanno “nuotato” per 9 mesi nel ventre della mamma. L’ambientamento in acqua può pertanto iniziare molto presto, ma i primi corsi di nuoto “veri” iniziano a 3 anni.

I vantaggi del nuoto

Quali sono i benefici per i bambini? In acqua la forza di gravità è ridotta e il nuoto (a livello non agonistico) è consigliato per correggere le posizioni errate che possono causare scoliosi o altre patologie scheletriche. L’ambiente caldo-umido giova alla salute di chi soffre di asma. Esistono precauzioni? L’acqua può far paura: evitiamo situazioni che possano spaventare i bambini, facendoli allontanare per sempre da questo sport. Attenzione alle patologie dell’apparato otorinolaringoiatrico (otiti ecc.) spesso favorite dall’ambiente in cui si pratica il nuoto.

Leggi anche:  Quattro rimedi contro la depressione stagionale

Questione di età

Qual è l’età giusta per cominciare l’agonismo? Sono ammessi alle gare in “corsia” le bambine di 9 anni ed i bambini di 10. Questa differenza si spiega con i diversi tempi di maturazione fisica caratteristici di maschi e femmine.