Da Cruz al Parma c’è l’annuncio ufficiale del Novara che in una nota in serata saluta il suo trequartista

Da Cruz al Parma gli auguri del Novara

E’ intorno alla 22 di questa sera che il Novara ha ufficializzato il passaggio di Alessio Da Cruz al Parma. L’attaccante, all’occorrenza trequartista, questa sera ha firmato il trasferimento che lo lega agli emiliani e con cui continuerà il campionato di Serie B. “La Società Novara Calcio informa di aver raggiunto l’accordo per il trasferimento, a titolo definitivo, dell’attaccante Alessio Da Cruz, classe 1997 alla Società Parma Calcio. Il club ringrazia il giocatore per l’impegno profuso in maglia azzurra e gli augura un futuro professionale ricco di soddisfazioni”. Questo il comunicato con cui il club azzurro conferma la cessione.

Arrivato quest’estate a parametro zero

Il giovane olandese arrivato a parametro zero in estate, si è fatto subito notare. Infatti, l’esplosione di Da Cruz non è passata inosservata. Al “Piola” sono venuti a visionarlo gli osservatori dell’Arsenal, interessato all’olandese assieme ad altri club della Premier League inglese, come ha annunciato il “Daily Mail”, e non solo (si è parlato anche dell’Inter…). «Alessio ha potenzialità immense – è il consiglio di Macheda – Ma deve pensare a lavorare tranquillo senza pressioni, sapendo bene che nel calcio le cose cambiano presto». Alla fine, però, a spuntarla è stato il Parma che proprio in serata ha presentato il giocatore.

Leggi anche:  Juventus femminile giocherà a Novara la Champions

Ma non è l’unico gioiello nel mirino …

Quello di Da Cruz però non è l’unico caso di un giovane novarese adocchiato «dall’alto». Sembra proprio infatti che la Spal possa tornare alla carica per Lorenzo Dickmann, già in estate accostato ai ferraresi. E non sarebbe la prima volta che la Spal fa la spesa in casa azzurra dal momento che nell’estate 2016 acquistò a titolo definitivo il difensore centrale Francesco Vicari. Se andassero in porto si tratterebbero di partenze pesanti, da tamponare con il recupero di tutti gli infortunati, e con qualche «aiutino» in entrata dal mercato, vista la classifica e gli ultimi risultati.