Copertura vaccinale, per l’assessore Saitta “Obiettivo raggiunto”. Si è superata infatti la soglia di sicurezza raccomandata.

Copertura vaccinale piemontese, i dati

Le coperture vaccinali in Piemonte sono in aumento, grazie all’applicazione della nuova legge sui vaccini. Dai primi dati che sono stati raccolti dalla Regione Piemonte, è stato complessivamente raggiunto e superato l’obiettivo del 95% di copertura. Questa è infatti la soglia di sicurezza raccomandata dall’Organizzazione mondiale della Sanità.

In particolare, è sensibilmente aumentata quella che riguarda morbillo, parotite e rosolia a 24 mesi di età. Che è salita dal 91,06% dello scorso anno al 94,72 % rilevato al 31 dicembre 2017, dopo l’introduzione della legge. Per quanto riguarda le coperture a 5-6 anni di età, i valori per la prima dose sono superiori e raggiungono il 96,8%.

Per quanto riguarda gli altri vaccini – anti-poliomielite, difterite, tetano, pertosse, Epatite B, Haemophilus influenzae B – in tutti i casi si è verificato un incremento della copertura ed è stata superata la soglia del 95%, con livelli che vanno dal 95,28% del vaccino Hib (Haemophilus influenzae B) al 95,93% del vaccino contro il tetano.

Leggi anche:  Medici di Novara: «No a spostare l'obbligo dei vaccini»

“Si tratta senza dubbio di un ottimo risultato, l’applicazione della nuova legge sui vaccini ha dato un esito positivo – commenta l’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta -. Tutte le coperture sono state incrementate e mi preme sottolineare la crescita delle vaccinazioni contro morbillo, parotite e rosolia dove il dato del Piemonte era basso, con Aziende sanitarie che non superavano in alcuni casi l’88 o persino l’85 per cento. L’obiettivo iniziale era quello di aumentare la sicurezza per i bambini e le famiglie e direi che è stato pienamente raggiunto.”