“Un paese a sei corde/master” è il risultato di una nuova partnership.

Torna la rassegna Un paese a sei corde

L’associazione culturale La Finestra sul Lago, che da 12 anni organizza la rassegna itinerante per chitarra Un Paese a Sei Corde, e l’Associazione Culturale Il Mosaiko, che ha organizzato nel 2017 la prima edizione del Guitar Master Lago d’Orta, hanno siglato una partnership per la realizzazione dell’edizione 2018 di UN PAESE A SEI CORDE/MASTER. “Un Paese a Sei Corde – spiegano infatti dall’associazione – è la rassegna dedicata alla chitarra acustica e agli strumenti affini (chitarre a più corde, chitarre-arpa, varianti etniche della chitarra, ecc.) che propone diversi generi musicali (classica, etnica, tradizionale, contemporanea, ecc.) eseguiti da artisti di livello internazionale. In questi anni l’Associazione La Finestra sul Lago ha approfondito la propria specializzazione nel settore della chitarra raggiungendo importanti risultati in termini di notorietà tra le rassegne realizzate a livello nazionale, oltre che una certa fama tra i musicisti. Le collaborazioni instaurate tra tutte le realtà che si occupano di chitarra in ambito nazionale e internazionale hanno consentito di costruire una dignità professionale e un’ottima affidabilità.

Il guitar Master Lago d’Orta

“Guitar Master Lago d’Orta è rivolto alla chitarra classica e persegue il perfezionamento e la crescita di giovani strumentisti attraverso masterclass e lezioni-concerto tenuti da artisti di livello internazionale. Offre inoltre concerti aperti al pubblico tenuti dai docenti delle conferenze, propone un concorso per i giovani allievi e organizza eventi collaterali alle masterclass. L’incontro tra le due associazioni ha stimolato la creazione di una partnership per offrire un progetto integrato sullo stesso territorio che possa portare vantaggi in termini di posizionamento, rafforzando il proprio ruolo e arricchendosi reciprocamente”.

La somma di competenze e l’alto livello qualitativo dell’offerta in termini di spettacolo potranno essere quindi maggiori con l’integrazione e la collaborazione tra le due entità

“Con l’accordo di partnership le due associazioni si pongono l’obiettivo di rendere l’area del lago d’Orta punto di riferimento per musicisti, liutai, produttori di attrezzature e materiali, appassionati del mondo della chitarra classica e acustica, operatori culturali, e per il pubblico, identificando il territorio come “casa della chitarra”, e creando un sistema culturale ad alto livello di specializzazione. Il progetto vuole essere qualcosa di più di una “rassegna” e proporrà anche concerti didattici per bambini (in collaborazione con l’Associazione La Sesta Corda) per avvicinarli al mondo della chitarra, concerti tenuti da giovani chitarristi emergenti per promuovere le nuove leve della musica, didattica a livello superiore (conferenze, masterclass) e un piccolo concorso riservato ai partecipanti alle masterclass con un concerto finale degli allievi che coinvolgerà il pubblico”. Il tutto con l’obiettivo di sensibilizzare e interessare nuovo pubblico, formare nuovi interpreti e appassionati che si avvicinino alla musica, e in particolar modo alla chitarra.

Leggi anche:  Ubriaco tenta di picchiare i carabinieri a Borgomanero: placato con spray urticante

I nuovi orizzonti della collaborazione

“Questa collaborazione – continuano dal gruppo – apre anche nuovi orizzonti e prospettive su due mondi, quello della chitarra classica e quello della chitarra acustica, che finora sono sempre stati considerati come separati. Tema del cartellone è la versatilità della chitarra per dare spazio a quella che si sta rivelando una vera “scuola” compositiva e chitarristica di livello internazionale. Parole chiave e obiettivi sono spettacolarità,  collaborazione e dialogo tra chitarre acustiche e classiche. Un Paese a Sei Corde Master è una rassegna nomade, dedicata alla musica di ieri e di oggi per chitarra (acustica e/o classica), che privilegia la ricerca di nuove sonorità, di forme musicali e compositive che sappiano coniugare le esperienze più diverse al di là dei generi. I direttori artistici hanno maturato scelte che consentiranno di conoscere musicisti, autori e compositori di diverse nazionalità approfondendo forme artistiche e di stile complementari fra loro. Il valore artistico e professionale dei musicisti coinvolti nei concerti e nelle masterclass è molto significativo e tra questi spiccano nomi storici e giovani di indiscussa qualità”.

La diversificazione delle serate

“Alcune serate – spiegano gli organizzatori – saranno dedicate a musica e prosa, e in tutti i concerti (eccetto quelli di musica classica) è prevista la presenza di nuove produzioni e composizioni. Le masterclass permetteranno di far incontrare l’artista sia prima che dopo la sua performance e dunque apprezzarne la componente umana e caratteriale oltre a quella didattica o di confronto-incontro con lo studente. Inoltre, si baseranno sul concetto di “didattica per competenze”, ovvero sulla possibilità di dimostrare sul campo gli aspetti tecnico-interpretativi che si affrontano durante le lezioni, e da altro punto di vista, sulla “curiosità culturale” quale assenza di predominio di una visione ma di grande apertura al confronto.  Vi sarà un premio per giovani artisti e, attraverso la collaborazione con il prestigioso Concorso Internazionale di Chitarra Classica “Alvaro Mantovani” di Follonica, è previsto uno “scambio” di esibizioni tra i vincitori dei rispettivi concorsi. Non mancheranno inoltre escursioni o piccole gite, riservate agli iscritti alle masterclass, per ammirare e scoprire le bellezze dei luoghi in modo guidato e professionale”. A breve saranno comunicati tutti i programmi dettagliati dell’estate 2018.