Al Maggiore di Novara arriva una nuova apparecchiatura per laparoscopia 4 K UHD e 3D Full HD nella Struttura complessa di Chirurgia 1 e 2 e in Ostetricia e Ginecologia.

La laparoscopia al Maggiore

Con la nuova dotazione di avanzati sistemi di laparoscopia 4 K UHD e 3D Full HD nella Struttura complessa di Chirurgia 1 diretta dal prof. Sergio Gentilli, di Chirurgia 2 diretta dal dott. Raffaele Romito e di Ostetricia e Ginecologia diretta dal prof. Alfredo Ercoli e soprattutto grazie alla capacità e professionalità degli operatori, l’azienda ospedaliero-universitaria di Novara è in grado di offrire interventi chirurgici mini-invasivi sempre più mirati e con ottimi risultati.

Le nuove soluzioni 4 K UHD e 3D Full HD  sono tecnologie  che consentono di beneficiare di una visione operatoria ad altissima definizione, che valorizza dettagli invisibili all’occhio umano e che contribuisce alla precisione e all’efficacia del gesto chirurgico, aumentando la sicurezza del paziente e accorciando i tempi chirurgici. Il nuovo sistema 4K potrà essere utilizzato per tutta la chirurgia laparoscopica maggiore oncologica del colon-retto, dello stomaco e del pancreas, la chirurgia delle malattie benigne del colon come la diverticolite, la chirurgia bariatrica per la cura dell’obesità patologica, la chirurgia del giunto esofago-gastrico, quella della parete addominale per la cura dei laparoceli e delle ernie complesse.

Leggi anche:  Imprese artigiane piemontesi crescono poco

La tecnologia 3D consente al chirurgo una percezione della profondità ottimale. Il sistema stereoscopico è particolarmente utile in step che richiedono un esatta percezione dello spazio,  in quanto consente una visione tridimensionale; con la visione 3D invece è molto più immediato e realistico e l’azione del chirurgo risulta più veloce e sicura.