Ancora rifiuti: c’è ancora chi non rispetta le regole e non usa il sacco conforme.

Ancora rifiuti: Arona virtuosa, ma…

Arona, i dati parlano chiaro, si distingue come comune virtuoso in merito alla raccolta differenziata dei rifiuti. L’introduzione del sacco conforme da parte dell’amministrazione Gusmeroli nel 2017 ha portato a superare la soglia del 75% di differenziata in città. E’ pur vero che esistono ancora delle «zone grige» e, nei casi peggiori, «nere» su cui ancora lavorare molto. Molte le segnalazioni dei cittadini che lamentano l’accumularsi di rifiuti indifferenziati in alcuni punti della città. Via Gramsci, corso Repubblica, via Fogliotti, via Paleocapa, via Monte Grappa… e l’elenco potrebbe continuare. Proprio da via Monte Grappa arriva l’ultima lamentela di un cittadino che ha inviato queste eloquenti foto alla redazione del Giornale di Arona. “Questa è la situazione che si presenta ogni domenica e lunedì  in via Monte Grappa. Le foto parlano da sole”, scrive Carlo Intelisano. “Tutte le mattine, percorro a piedi via Monte Grappa per recarmi in stazione a prendere il treno e la situazione è sempre la stessa, vedi anche stamattina. Mi chiedo mettere una “fototrappola” costa molto? Anche perché ritengo che siano sempre le stesse persone che abbandonano i rifiuti”.

 

Leggi anche:  Servizio bici per la polizia locale di Castelletto Ticino

Cattive abitudini dure a morire

Questo accade soprattutto nei pressi dei cestini pubblici, quelli ancora del «vecchio tipo», dove può essere inserito, dimensioni permettendo, qualsiasi genere di immondizia. Cestini che sarebbero in realtà concepiti per buttare cartacce e rifiuti di piccole dimensioni. Non certo per accogliere sacchi pieni di rifiuti, bottiglie, cartoni delle pizze e altro ancora. Molti lamentano il fatto che si tratti di un malcostume di alcuni aronesi che, invece di attenersi a una corretta differenziazione, a ora tarda o alle prime luci del mattino, si liberano dei propri rifiuti domestici. Una pratica che, attraverso dei controlli mirati nei punti più critici, si auspica possa essere sradicata.