Arona – agevolazioni per diversi tipi di attività.

Arona – agevolazioni sconosciute a molti che possono aiutare i cittadini

Tantissime le agevolazioni, contributi ed esenzioni ad Arona. Alcune di queste piuttosto note, altre meno. Per chi apre nuove attività, le amplia, chi rimuove barriere architettoniche, rimuove i tetti in amianto, affitta a figli e genitori, chi ristruttura con criteri di risparmio energetico, affitta a persone bisognose, ai giovani che prendono residenza ad Arona. “Sono convinto che molte non sono assolutamente conosciute e l’informazione serve, anche, a cogliere delle opportunità!” ha dichiarato il sindaco di Arona Alberto Gusmeroli.

Il primo elenco di una serie di agevolazioni per i cittadini spesso sconosciute

1 Contributo a negozi e attività per la rimozione di barriere architettoniche pari al 20% dell’investimento;

2 Contributo per la riapertura di negozi sfitti = esenzione da qualsiasi imposta comunale (anche TARI) per tre anni;

3 Contributo per l’ampliamento di negozi esistenti = esenzione da qualsiasi imposta comunale (TARI inclusa) per tre anni;

4 Contributo per le attività che trasferiscono la sede ad Arona e assumono un dipendente nell’arco dei sei mesi successivi;

Leggi anche:  Varallo dice addio all'ex vicesindaco e storico pasticciere

5 Contributo per la rimozione dei tetti in amianto = 20% dell’investimento in deduzione alla TARI;

Qui di seguito un’altra serie di agevolazioni e contributi

6 Riduzione di tre punti percentuali IMU a chi affitta un immobile a persona/e per cui rappresenta la prima casa;

7 Riduzione di tre punti percentuali per chi da in uso un immobile a figli e/o genitori;

8 Riduzione di tre punti percentuali IMU a chi ristruttura la casa con criteri di risparmio energetico e cura dell’ambiente;

9 Azzeramento dell’IMU a chi affitta a contratto concordato o concede in uso gratuito a soggetti segnalati dai servizi sociali del Comune;

10 Contributo per le giovani coppie  (sotto i 35 anni) che affittano o comprano casa ad Arona = esenzione da tassa dei rifiuti per tre anni.