Stadio intitolato a Fedele Margaroli a Borgomanero: la delibera di Giunta.

La Giunta comunale ha dato l’avvio all’iter per l’intestazione dello stadio a Fedele Margaroli

Lo stadio comunale  verrà intitolato a  Nino Margaroli scomparso nell’aprile di due anni fa. La Giunta Comunale infatti con delibera n° 26 del 5 marzo, ha dato formalmente l’avvio all’iter procedimentale per l’intestazione  dell’impianto sportivo di via Caduti nel lager nazisti.   Margaroli, sin dal 1945 tra i più attivi dirigenti della locale società calcistica che allora si chiamava Unione Sportiva Borgomanerese e che nel 1951 si sarebbe trasformata in A.C. Borgomanero.  Il geometra Fedele Margaroli conosciuto da tutti come Nino,  fu dapprima segretario e quindi presidente della società dal 1984 al 1992. Nel 1975 la Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) gli conferì a Firenze la medaglia d’oro al merito sportivo. Nel 1992 il Comitato Regionale Piemonte Valle d’Aosta della Lega Calcio dilettanti gli conferì il premio “Una vita dedicata allo sport”, “per avere dato impulso alla diffusione della disciplina calcistica fra i giovani, consapevole della valenza sociale dello sport e delle potenzialità offerte dalla sua pratica, anche in ambiti locali. Il suo costante impegno si è tradotto per quasi cinquant’anni, nel concreto supporto a numerosi atleti che hanno avuto la possibilità di avvicinarsi all’attività sportiva, valorizzando i loro talenti e coltivando, insieme ad una passione, valori universali come il rispetto dell’altro, la lealtà, lo spirito di squadra, il senso di appartenenza, l’affermazione del merito”.  Fu tra i fondatori della locale sezione dell’Unione nazionale veterani dello sport intitolata alla memoria del papà Luigi. La richiesta di intitolargli lo stadio venne avanzata nel luglio 2017 all’amministrazione comunale dall’Antica Cunsurtarija dal Tapulon, associazione ricostituita nel 2003 anche per merito di Margaroli che era stato eletto presidente “Primus Comes”, carica che avrebbe mantenuto sino alla fine. “Assieme a tutti i componenti dell’Antica Cunsurtarija dal Tapulon – dichiara l’attuale presidente Carlo Panizza – sono profondamente grato all’amministrazione comunale per aver accolto la nostra proposta che riconosce quanto Margaroli ha fatto in tutta la sua vita per la promozione sportiva. Mi piace ricordare la motivazione del Premio Borgomanerese dell’anno che gli venne assegnato nel 1997: “ se è vero che lo sport è scuola di vita, Nino Margaroli di questa scuola è stato un grande maestro”.