Corso Cri: il Comitato di Arona dà il via all’edizione 2018/19.

Corso Cri: si riparte

Sarà presentato nella serata di martedì 2 ottobre, nella sede del Comitato aronese in via General Chinotto, il corso per aspiranti volontari 2018-19 della Croce Rossa Italiana. «Decidere di impegnarsi gratuitamente per gli altri può dare una svolta alla vita. Sia in campo personale sia lavorativo e professionale”. Così Luca Lombardi, delegato Area 6 Cri Arona. “Il percorso che anche quest’anno proponiamo mira proprio ad accrescere la cultura e l’educazione sanitaria di chi decide di offrire il proprio impegno a vantaggio della comunità. Vari sono i modi in cui si può prestare aiuto facendo volontariato. Il Comitato locale di Arona, propone la soluzione più significativa. Ossia entrare in un’associazione che ha fatto dell’aiuto al prossimo la sua ragione d’essere. La filosofia è semplice, Chiunque infatti abbia del tempo da mettere a disposizione e al servizio degli altri, può dare un supporto concreto alla comunità in cui vive».

Molteplici attività

I volontari Cri si occupano di diverse attività. Dalla più visibile e “rumorosa”, quella del soccorso sanitario urgente. Ad attività meno note ma indubbiamente importanti e impegnative. Come il trasporto di persone disabili e inferme, l’accompagnamento per visite o terapie, le attività di assistenza infermieristica ambulatoriale. E ancora l’assistenza ai bisognosi, il telesoccorso, le attività formative e didattiche … e così via.

Leggi anche:  Aronese premiato come "rivelazione" al Festival del videoclip a Roma

Tre moduli

Il percorso si articola in tre moduli, che consentono di scegliere il proprio livello di aiuto da dedicare all’Associazione in funzione alle proprie attitudini, capacità e tempo a disposizione. Già dai 14 anni compiuti è possibile accede al primo modulo ed entrare a far parte della famiglia Cri. Si può poi proseguire con i moduli successivi approfondendo la parte tecnica, familiarizzando con l’utilizzo di tutti i presidi a disposizione sulle ambulanze per il trasporto e per l’emergenza in sinergia con il 118. L’operatività, per ciascuno step, è subordinata al superamento di un esame e a periodi di affiancamento che terminano al raggiungimento dell’autonomia completa nello svolgimento delle tecniche apprese.