CrowdForest: droni per spargere semi e riforestare le zone boschive danneggiate. L’idea di un gruppo di ragazzi aronesi.

Crowdforest droni per riforestare

Si chiamano Giovanni Montagnani di Sesto Calende, Francesca Mapleston di Colazza e Francesco Polinelli di Dormelletto. Sono loro gli ideatori di un progetto appena partito ma che sta già riscuotendo tanti plausi.

L’obiettivo

CrowdForest ha un obiettivo ambizioso: riforestare le zone boschive danneggiate da incendi e tempeste riducendo le emissioni di CO2. Con l’utilizzo di un “Seeder Drone” è possibile far “volare” i semi, selezionati in base alle peculiarità dell’area da riforestare, su ampi spazi riducendo costi ed emissioni a vantaggio di piccoli proprietari terrieri e comunità vittime di incendi.

Un circolo virtuoso che si basa su condivisione e responsabilità ambientale: ogni donazione ci permette di piantare nuovi alberi in terreni ancora fertili, rigenerando le aree boschive e l’ecosistema di cui fanno parte.

Il progetto è finanziato da una raccolta fondi:
https://plana.earth/project/146

Ed ecco il sito di riferimento:
https://crowdforest.net/