Dalla Mia Riva Festival, alla seconda edizione con quattro serate, molteplici temi, autori, visioni e punti di vista.

Il festival Dalla Mia Riva

Nato all’interno del progetto Novara Scholè, la kermesse Dalla Mia Riva è un inno all’incontro, all’arte e alla conoscenza, che scaturisce dal confronto con il diverso. Un diverso modo di vivere, di pensare, di suonare, di raccontare, di sentire. Il progetto ideato dal Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto di Novara e dall’Associazione Ex Allievi, ha trovato la collaborazione del Circolo dei Lettori di Novara, dell’associazione culturale RI-NASCITA, il Patrocinio del Comune di Novara ed il sostegno della Fondazione della Comunità del Novarese e della Fondazione Banca popolare per il territorio.

Il primo appuntamento

Si inizia l’11 maggio alle 21:00 al Teatro Faraggiana con “Samuel Storm – le cicatrici mi rendono quello che sono”. Diciannovenne, finalista di X Factor 2017 , è partito dalla Nigeria per iniziare una nuova vita. Si è trasferito a Catania, dove grazie a una borsa di studio ha potuto portare avanti il suo sogno di diventare cantante, ma è stato principalmente attraverso la partecipazione al talent show che è riuscito a raggiungere una notevole fama, a confrontarsi con artisti del calibro di James Arthur e a produrre il suo primo singolo, “The story”.

Il secondo incontro

Il 25 maggio, alle ore 17.30 presso la Sala del Compasso della Cupola di San Gaudenzio,  si terrà invece il dibattito “Europa e il paradigma dei confini: le sfide geografiche e politiche di scambi, flussi e confronti di oggi”, guidato direttamente dagli studenti in qualità di moderatori, riguardo alle migrazioni e all’Europa, al quale prenderanno parte quattro figure di spicco: Franco Farinelli, docente di geografia umana presso l’università di Bologna; Davide De Michelis, presentatore del programma Rai “Radici”; Daniele Biella, giornalista freelance e autore di due libri sull’esperienza dei migranti: “L’isola dei giusti” e “Nawal, l’angelo dei profughi”; infine, Elias Carlo Salvato, presidente della Gioventù federalista europea.

Leggi anche:  Allarme bomba durante una gara a Gozzano

Il terzo evento

Il terzo appuntamento “Una sfida ai pregiudizi”, previsto per il 7 giugno ore 21:00 all’Auditorium Guido Cantelli del Conservatorio di Novara sarà il momento dell’incontro con Santino Spinelli, personalità eclettica di fama europea, sia in ambito musicale sia politico. Docente di lingua e cultura Romanì in diverse università italiane, è anche un importante membro e punto di riferimento della comunità rom: nel 2003 è stato infatti nominato ambasciatore dell’arte e della cultura rom nel mondo per conto dell’IRU (Unione Internazionale Romanì). L’evento sarà suddiviso in due parti: prima Spinelli eseguirà con l’accompagnamento del figlio Gennaro diversi brani musicali; in seguito condividerà la sua esperienza come rappresentante di una comunità discriminata dai pregiudizi e darà al pubblico un punto di vista diverso e lontano dagli stereotipi che ci condizionano tutti i giorni anche senza che ce ne accorgiamo.

Il finale

Il festival si conclude il 15 giugno, che alle 21 presso il cortile del Castello con “La tela di Odisseo”, reinterpretazione del poema classico da parte dei ragazzi del Liceo, in cui il protagonista ritrova se stesso tessendo i fili della cultura mediterranea.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero.