Elezioni Pro loco: l’associazione conferma il suo presidente e nomina un nuovo direttivo.

Elezioni Pro loco: l’associazione fuori dalla crisi

Per mesi il mondo dell’associazionismo castellettese è rimasto con il fiato sospeso, ma alla fine nella serata di mercoledì 30 gennaio è arrivata la fumata bianca. La Pro loco del paese continuerà ad esistere.  Il 7 dicembre alcuni membri del direttivo avevano rassegnato infatti le dimissioni, costringendo i vertici del gruppo a interrogarsi sul futuro della Pro loco e a predisporre nuove elezioni. In seguito alle promesse di dimissioni, comunicate quest’estate, del presidente Massimiliano Ferrario, in molti temevano che l’associazione avrebbe cessato di esistere. E invece mercoledì 30 alla riunione plenaria dei soci in sala consiliare si sono presentati i sei nuovi candidati che daranno vita al direttivo dell’associazione. Nel ruolo di presidente è stato confermato Ferrario, al suo fianco la fedele vice Maria Tamborini e poi il resto del direttivo sarà composto da Andrea Crenna, Marco Delle Monache, Cristina Barberis e Roberto Saltafossi.

Ma il direttivo resterà un anno, poi si torna al voto

Su decisione unanime dei tesserati il nuovo direttivo resterà però in carica per un solo anno, e non per tre come stabilisce lo statuto. “Abbiamo saputo – ha aggiunto infatti Ferrario – che ci sono persone che avrebbero voluto entrare in questo direttivo e che non hanno potuto farlo non avendo la tessera 2018. Le nostre porte restano aperte a tutti coloro che vogliono rimboccarsi le maniche e fra un anno ci sarà spazio e modo per riconsiderare la composizione del direttivo”.