FerrovieNord Usb chiede di cambiare passo e proclama così uno stato di agitazione dei suoi iscritti.

FerrovieNord Usb arriva l’agitazione

“Abbiamo presentato a FERROVIENORD nel mese di marzo un piano di riorganizzazione dei servizi del trasporto pubblico locale settore ferroviario. Comparto che soffre di inefficienze e carenze che causano disservizi e disagi per gli utenti. Dai ritardi nelle percorrenze, alle cancellazioni di corse, sovraffollamento e insicurezza nelle stazioni e sui convogli, incidenti anche mortali.

Tutti constatano il decadimento della qualità del servizio cui contribuisce anche una organizzazione lavorativa obsoleta. Non in linea con le nuove tecnologie introdotte o di prossima introduzione. Ne consegue che ci troviamo con un sistema lavorativo vecchio che deve gestire sistemi produttivi nuovi. Questa incongruenza porta all’ inevitabile peggioramento della qualità del servizio e della sicurezza sia per i viaggiatori che per i lavoratori”.

Le proposte di Usb

“Le proposte si articolano e sviluppano in questi punti: organizzazione dell’attività lavorativa, condizioni di lavoro, qualità del servizio, sicurezza per utenti e dipendenti, manutenzione e controllo della infrastruttura ferroviaria, professionalità nello svolgimento dell’esercizio lavorativo, telelavoro, adeguamenti retributivi e normativi.

Leggi anche:  Approvato documento per l'autonomia del Piemonte

A tutt’oggi FERROVIENORD non ha dato nessuna risposta alle nostre proposte, né alle precedenti segnalazioni di disservizi e irregolarità, ed ancora attendiamo di essere convocati.

Per queste ragioni ed essendo rappresentativi dei lavoratori, abbiamo deciso che, di fronte al silenzio inspiegabile della’Azienda, sia giusto e necessario dare corso alla mobilitazione dei lavoratori con la proclamazione dello stato di agitazione e al coinvolgimento degli utenti del servizio”.