Negli ultimi tempi si sente spesso parlare di turismo odontoiatrico verso i paesi dell’Est soprattutto quando si tratta di impianti dentali. In Italia però ci sono numerose cliniche dentistiche specializzate in implantologia dentale: alcune investono ingenti capitali in strumentazioni all’avanguardia e assumendo professionisti competenti e sempre al passo con le nuove tecniche. A Novara vi sono diverse centri d’eccellenza, come la Clinica Dentale Odontobi, che in poche ore fa ritrovare il sorriso ai propri pazienti. Sul sito web della Clinica, www.odontobi.eu, è possibile prendere visione delle più moderne metodologie e tecniche applicate al mondo della implantologia. 

Chi sceglie cliniche di secondo livello, si lascia incantare dai prezzi low cost. Infatti basta una veloce ricerca online per trovare promozioni e coupon a prezzi stracciati per l’implantologia dentale. Ma vi siete chiesti come può una tecnica che richiede l’utilizzo di materiali di alta qualità e competenze specifiche essere offerta a prezzi così bassi?

La clinica o il professionista in questione sta risparmiando in qualcosa, che sia un macchinario o strumento specifico e mette la vostra salute in pericolo, con il rischio di non risolvere il problema o addirittura peggiorarlo. Tra l’altro sono sempre più numerose le cliniche dentali che offrono finanziamenti agevolati e personalizzati, che facilitano l’investimento di denaro in qualità e competenza soprattutto se si tratta della cura della bocca.

A ciò si aggiunge un altro aspetto che non deve essere sottovalutato: la garanzia degli impianti dentali. Immaginate di avere un impianto di altissima qualità garantito da 1 o più anni, addirittura 10 nel caso in cui si scelga di effettuare un intervento di implantologia dentale a Novara presso Odontobi Dental Clinic. Appare evidente alla luce di tutti questi elementi quale sia la scelta più conveniente.

Cos’è l’implantologia dentale?

L’implantologia dentale è un settore dell’odontoiatria che permette di sostituire uno più elementi dentali persi per mezzo di radici artificiali in titanio medicale (elemento biocompatibile per l’organismo) che fungono da sostegno fisso per le protesi dentali. In questo modo si permette al paziente di far fronte in tempi brevi, massimo due/tre ore per l’intervento, di ripristinare il sorriso in modo funzionale e con un risultato estetico valido. Le tecniche di implantologia dentale sono di due tipi: a carico immediato e a carico differito. Nel primo caso l’impianto viene esposto ad una forza subito dopo il suo inserimento. Nel caso del carico differito l’applicazione della forza avviene alcuni mesi dopo l’inserimento, si stimano circa 3 mesi per gli impianti inferiori e 5/6 mesi per quelli superiori.

E’ un intervento doloroso?

Leggi anche:  Rete contro le discriminazioni: in Regione siglata la collaborazione fra enti e istituzioni

Come per tutti gli interventi odontoiatrici anche per l’implantologia è previsto l’uso di anestetici che agiscono localmente e che rendono la zona trattata anestetizzata per qualche ora. Ciò permette al paziente di non provare dolore durante l’intervento. Molte cliniche negli ultimi anni praticano inoltre la sedazione cosciente, attraverso la somministrazione di sedativi per via endovenosa che portano il paziente in uno stato di sonnolenza con tendenza al sonno fisiologico dal quale si può essere risvegliati facilmente. Per quanto riguarda la fase post-operazione potrebbe capitare che il paziente provi dolore o che si sviluppi una lieve tumefazione. In entrambi i casi il tutto si risolve con l’utilizzo di anti-infiammatori ed antidolorifici.

Ci sono limiti di età?

L’implantologia dentale può essere praticata su tutti i pazienti, non vi sono limiti di età. Va specificato però che nel caso in cui pazienti siano adolescenti occorre sempre aspettare che lo sviluppo osseo sia completo.

Quanto dura un impianto dentale?

Secondo recenti indagini e studi nel 98% dei casi un impianto dentale realizzato con materiali di qualità e l’utilizzo di strumentazione certificata può durare fino a 10 anni.

Quali sono le possibili controindicazioni?

A differenza di quanto si possa pensare le controindicazioni a questa tipologia di intervento sono rare così come il rischio di infezione. L’importante è scegliere strutture che rispettino i protocolli di pulizia ed igiene e che il paziente segua attentamente le indicazioni fornite dallo staff medico nelle fasi immediatamente successive all’inserimento degli impianti.