Importante ritrovamento archeologico tra le pietre di un cantiere: il servizio completo e le foto sul Giornale di Arona in edicola venerdì 4 maggio.

Importante ritrovamento: Ara Romana

Giovedì 26 aprile il gruppo del Gasma ha rinvenuto tra le pietre della cascina S. Igino a Gatticoun prezioso reperto. Si tratta di una sorta di pilastrino con evidenti incisioni da scalpellino, in parte mascherate da incrostazioni cementizie. Nell’area sono in corso lavori di ristrutturazione seguiti dalla Soprintendenza di Torino.  Informato il proprietario dell’immobile, la pietra è stata quindi lavata e pulita dalla malta superficiale. A raccontare quanto accaduto è Carlo Manni del Gasma. “Informata la Soprintendenza, abbiamo deciso di trasportare, con grande cautela, il pesante pilastro di serizzo nel museo mineralogico. Esso,  alto poco più di un metro, ha un peso stimato di oltre due quintali”. Sabato 28 il reperto è stato quindi traslato nel vicino museo archeologico.

Un frammento di altare romano

Dalle prime indagini degli esperti del gruppo storico e archeologico aronese sembra quindi che la pietra sia un frammento di altare romano. Relativamente alla datazione del reperto il presidente del Gasma infatti aggiunge: «Anche se considerazioni definitive sono al momento premature, è noto che Gattico sia una località ove in passato sono state recuperate molte iscrizioni romane, così come resti di tombe e ceramiche frammentate emerse nei campi”.