Negozi chiusi di domenica: molti commercianti di Corso Cavour intervistati dal Giornale di Arona si sono detti contrari.

Negozi chiusi di domenica

Serrande dei negozi abbassate la domenica? Presto potrebbe tornare ad essere così. La proposta viene dal vice premier Luigi Di Maio ed è già partito alla Camera l’iter per rivedere le liberalizzazioni volute dal governo Monti in merito alle aperture domenicali. Il testo in discussione infatti limita a otto le domeniche in cui poter tenere aperto l’esercizio commerciale. Di cui quattro nel mese di dicembre e il resto, a scelta, durante l’anno. Deroghe sono previste per i piccoli negozi collocati nelle località turistiche, al mare o in montagna.

La proposta che divide

L’opinione pubblica è spaccata in due fra chi pensa che sia giusto riposare la domenica e passare una giornata in famiglia e chi crede che ormai la vita frenetica del terzo millennio non preveda chiusure fisse. Senza contare poi l’incredibile concorrenza degli e-commerce che così verrebbero ancora più avvantaggiati, rimanendo, appunto, sempre a disposizione.

Ecco cosa ne pensano alcuni commercianti del centro aronese

Libreria Mondadori

“Non sarebbe proposta positiva perché la gente che compra i libri lo fa nel weekend. Oltretutto le vendite sono calate negli ultimi anni. In pochi comprano libri e quei pochi lo fanno nei weekend. Sarebbe una perdita sia a livello economico e un peccato dal punto di vista culturale essendo poi Arona una località turistica.

Le Galline

“Un commerciante dovrebbe avere la possibilità di scegliere quando aprire o meno il proprio negozio. L’obbligo non è giusto”.

Così il sindaco Alberto Gusmeroli

“La posizione mia e della Lega è sempre stata quella delle Associazioni dei Commercianti e Confesercenti, quindi lotta alle liberalizzazioni di Monti. Siamo l’unico paese in Europa con i centri commerciali aperti tutte le domeniche. Qualsiasi provvedimento va, però, graduato sul fatto che la gente ormai si è abituata cosi. Poi diversa è la situazione delle aree turistiche se si dovesse parlare di piccoli negozi. Arona è zona turistica e dunque sarebbe esclusa dal provvedimento”.

Sul Giornale di Arona in edicola da venerdì 14 il servizio completo.