Questo fine settimana Verona sarà al centro delle cronache nazionali e non solo. Dal 29 al 31 marzo, infatti, si terrà il Congresso mondiale delle famiglie che tanto ha fatto, e sta facendo, parlare di sé. Da un lato ci sono gli organizzatori, che hanno tenuto a sottolineare che non si tratta di un evento oscurantista e che propone idee retrograde, ma di una tre giorni all’insegna della discussione su quello che dovrebbe il fondamento della società: la famiglia, a loro dire, naturale.

LEGGI ANCHE: Congresso mondiale delle famiglie a Verona, gli organizzatori: “Non siamo oscurantisti”

Le dure critiche

Dall’altro lato, però, è davvero lunga la lista di chi contesta aspramente questo appuntamento definendolo un pericoloso tentativo di ritorno a un passato non troppo luminoso. Don Luigi Ciotti, senza tanti giri di parole, l’ha definito “una vergogna” mentre la presidenza del Consiglio dei Ministri, che inizialmente aveva garantito il patrocinio, ha fatto marcia indietro per bocca dello stesso Premier, Giuseppe Conte dopo la dura presa di posizione di oltre 200 accademici che avevano definito l’orientamento del congresso “profondamente reazionario”.

LEGGI ANCHE: Congresso famiglie Verona don Ciotti: “E’ una vergogna”

LEGGI ANCHE: Congresso mondiale delle famiglie a Verona il premier Conte toglie il patrocinio

LEGGI ANCHE: Congresso delle famiglie di Verona, l’appello di 200 accademici: “Togliere patrocinio della Presidenza del Consiglio”

Le manifestazioni

Proprio per questo a Verona sono previste diverse manifestazioni di protesta che potrebbero paralizzare il centro cittadino. Il 30 marzo, infatti, l’Arcigay ha organizzato una grande manifestazione di protesta “per contestare le idee da medioevo che il congresso propone” con partenza dalle ore 14.30 di sabato 30 marzo in Piazzale XXV Aprile (stazione di Verona Porta Nuova). Probabile un massiccio arrivo di persone da diverse regione d’Italia, come testimonia l’iniziativa de “La Casa delle Donne” di Ravenna, che ha organizzato un pullman per protestare nella nostra città.

Leggi anche:  Il sistema Mercurio a bordo di tre volanti della Polizia di Verona

LEGGI ANCHE: Congresso delle famiglie di Verona, il 30 ci sarà una grande manifestazione di protesta

Leggi anche:  3 milioni di passeggeri sul lago Maggiore nel 2018

LEGGI ANCHE: Congresso mondiale delle famiglie a Verona in arrivo manifestanti anche dalla Romagna

Anche sindacati e forze politiche presenti

Non Una di Meno, rete transfemminista estesa su tutto il territorio italiano, ha convocato tre giorni di mobilitazioni a Verona e anche l’Associazione Nazionale Volontarie Telefono Rosa ha aderito alla manifestazione del 30 marzo nella città scaligera, “indetta dalla società civile, associazioni, sindacati e alcune forze politiche per contrastare i proclami del Congresso mondiale delle famiglie”. Proprio per quanto riguarda i sindacati, c’è da registrare la partecipazione della CGIL, come reso noto dalla responsabile delle Politiche di genere del sindacato, Susanna Camusso.

LEGGI ANCHE: Congresso mondiale delle famiglie Verona anche la Cgil in piazza contro

Tema sicurezza

Anche se le manifestazioni di protesta dovrebbero svolgersi nella più totale civiltà, il prefetto di Verona, Donato Cafagna, ha già iniziato gli incontri per garantire la sicurezza e il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dallo stesso prefetto, e del quale fanno parte anche il sindaco Federico Sboarina, l’assessore alla Sicurezza Daniele Polato e il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura, ha deciso i provvedimenti viabilistici che saranno attuati in questa fine della settimana di fuoco a Verona.