Offerte Energia: “siamo allo stalking”. Confartigianato si è rivolta al Garante della Privacy per denunciare comportamenti scorretti. Lo riportano i colleghi di notiziaoggivercelli.it 

Offerte Energia: “siamo allo stalking”

“Non se ne può più”,  quanto volte l’abbiamo detto? Ormai anche due o tre volte al giorno, anche fino alle 10 di sera, sui fissi ma anche sui cellulari arrivano proposte di operatori del settore energia che vogliono venderci offerte imperdibili.

Ora alla lista di chi denuncia un’ingerenza indebita di questi call center c’è anche Confartigianato, che ha denunciato all’autorità antitrust, al Garante della privacy e all’autorità di regolazione dell’Energia la tempesta incessante di telefonate di imprese associate da parte di sedicenti operatori per conto di società di vendita di energia elettrica e del gas.

“Non devono usare informazioni riservate”

Secondo quanto sostenuto da Confartigianato in un libero mercato è legittimo contattare i clienti per proporre i propri servizi, ma la pratica è scorretta se chi chiama è a conoscenza di informazioni riservate come il precedente fornitore, i dati della fornitura o dati bancari.
Alcuni di questi operatori si sono anche spacciati per fornitori di Confartigianato e di CEnPI.