Pd alla carica sull’approvazione del piano per Agognate avvenuto il 27 dicembre.

Il commento

«Era il lontano 20 febbraio 2014 – scrive il Pd novarese – e l’allora consigliere Canelli (oggi Sindaco di questa città) nel suo intervento in consiglio comunale bollava con le seguenti parole il progetto di Agognate  presentato dalla Giunta Ballarè ”…la scelta dell’amministrazione la ritengo semplicemente sbagliata proprio sotto il profilo della strategicità…sarebbe meglio potenziare il CIM. Lì, si, che è strategico…Il CIM è il soggetto che deve sviluppare, il CIM dove noi Comune di Novara siamo dentro il capitale sociale…”

La storia recente la conosciamo, una volta conquistato  Palazzo Cabrino le posizioni sono cambiate in fretta. Ora il CIM non è più strategico, infatti si sono messe in vendita le quote sociali possedute ed Agognate è diventata frettolosamente importante per lo sviluppo della città. Vede caro Sindaco Canelli per noi del Pd la coerenza è ancora un valore, per questo il gruppo consigliare del Pd ha votato a favore. Come nel 2014 quell’area lì per noi rappresenta da sempre una realtà con un forte potenziale di crescita, non abbiamo cambiato idea per mero interesse elettorale. Crediamo ancora che Agognate, congiuntamente allo sviluppo del CIM, possa perseguire il risultato di insediare nuove aziende e di conseguenza creare nuovi posti di lavoro. ”Non v’è alcuna certezza, non vi è alcuna garanzia di ritorno d’interesse pubblico dovuto a questa operazione…” queste ancora le parole di Canelli in Consiglio. I fatti e gli eventi successivi hanno però dimostrato il contrario. A Vercelli, oltre ad Amazon già insediata da due anni, un’altra importante holding, la APRC Group, ha deciso di investire negli spazi a disposizione della zona industriale di Larizzate garantendo tra gli 800 e i 1500 addetti.

Leggi anche:  Ladri golosi: rubano e poi si mangiano lo spezzatino

Noi non commetteremo lo stesso errore, noi preferiamo essere responsabili e guardare avanti, preferiamo avere una visione di città orientata allo sviluppo e non alla mera conservazione del presente, preferiamo essere coerenti anche a rischio di perdere qualche voto, preferiamo essere seri! Caro Sindaco avrà pure conquistato il “Regno” ma nel frattempo ha perso sicuramente la stima e la fiducia di tanti novaresi».