Settecento mezzi nel piano di rinnovo carrozze per i prossimi 3 anni, 80 nuovi capitreno entro giugno. Ecco cosa ci si aspetta nel futuro dei pendolari.

Rinnovo carrozze, piano milionario

Ha preso il via il progetto di Trenord di rinnovo carrozze che interesserà 700 convogli nei prossimi tre anni, pari a un terzo dell’intera flotta. Un piano straordinario, da 415 milioni di euro, che consentirà il “revamping” (un rinnovo non solo estetico ma sostanziale) e l’ammodernamento dei convogli meno recenti di proprietà Trenitalia ma noleggiati a Trenord.

Offerta sempre in crescita

A parlarne è Cinzia Farisè, ad Trenord: “Stiamo compiendo ogni sforzo per migliorare costantemente il servizio offerto ogni giorno ai nostri 755mila clienti. Il nostro servizio è essenziale per la mobilità della Lombardia: colleghiamo 422 stazioni con circa 70mila corse al mese. Un’offerta capillare, cresciuta del 25% negli ultimi tre anni. L’investimento per il rinnovo carrozze, possibile grazie alla buona salute economico-finanziaria dell’azienda, permetterà di sostenere la qualità del servizio. In vista della consegna – annuncia –  a partire dalla seconda metà del 2020, dei 161 nuovi treni secondo il progetto predisposto da Trenord e interamente adottato nel luglio 2017 da Regione Lombardia. I nuovi treni si aggiungeranno ai 225 convogli di ultima generazione già appartenenti alla flotta di Trenord”.

Leggi anche:  Donna nuda aggredisce in strada carabinieri: denunciata

Gli interventi di rinnovo

Diversi gli interventi previsti. Si va dall’installazione di nuovi sistemi di climatizzazione al rifacimento degli impianti elettrici, la sostituzione di porte e sedili, il rinnovo degli interni e della livrea esterna. I lavori saranno svolti da squadre specializzate. I depositi Trenord coinvolti sono quelli di Milano Fiorenza, Cremona e Iseo. Per consentire la massima efficienza delle attività previste dal Piano, nelle officine di Fiorenza e Cremona sono stati aperti cantieri dedicati.

Qui le fasi del piano di rinnovo.