Ritardo record. Circolazione in tilt come in tilt è andata la gestione di un’emergenza dal parte delle Ferrovie.

Ritardo record

“Personalmente ciò che ritengo semplicemente vergnoso è la gestione dell’emergenza. I viaggiatori sono stati sequestrati per ben quattro ore. All’inizio anche con i finestrini bloccati e senza aria condizionata in quanto il treno era fermo”. E’ questa la sintesi della giornata odierna della referente per la Domodossola Milano Lisa Tamaro.

Il racconto di una giornata da incubo

“Intorno alle ore 8 di questa mattina tra Legnano e Parabiago è caduta la linea aerea ed un cavo da 3.000 volt è caduto sull’ultima carrozza del treno 23015 proveniente da Varese e diretto a Milano.
Questo ha causato le scintille ed il fumo sul treno.

Il treno 2145 con partenza da arona alle 7.35 si trovava immediatamente dietro al treno di Varese ed è rimasto bloccato tra Busto e Legnano.
Inotrno alle 10 si è deciso di far reteocedere il 2145 fino a Busto Arsizio e reinstradarlo a Milano su un altro binario.

Leggi anche:  Saltano patenti sulla A26 per guida in stato di ebbrezza

Inoltre il treno 2145 una volta arrivato a Rho Fiera, senza nessuna comunicazione, si è fermato per un’altra mezz’ora ed è arrivato a Milano alle ore 12.24 con ben 229 minuti di ritardo”.

Ritardi stratosferici

“I treni successivi hanno naturalmente accumulato ritardi stratosferici. Il 10407 (8.06 da Arona ) è arrivato con 140 minuti di riardo, il 2147 ( 9.35 da Arona ) con 163 minuti di ritardo e altri due treni sono stati cancellati.

Il guasto è stato riparato solo alle ore 14.02”.