San Salvatore rinascerà: la promessa della parrocchia di Massino Visconti ai fedeli del Vergante.

San Salvatore sarà restaurato

Il Santuario di San Salvatore, a Massino Visconti è un luogo che possiede un valore senza tempo, anche se soggetto all’usura che dal tempo stesso naturalmente deriva. Negli ultimi anni ha conosciuto diverse problematiche e oggi gli edifici presentano uno stato di conservazione precario.  Così è nato il progetto di restauro del Santuario di San Salvatore, approvato a maggio e presentato sabato 27 ottobre alla Casa della Gioventù di Massino Visconti.

Da una collaborazione di numerose realtà un nuovo progetto

A collaborare per intraprendere insieme il percorso di restauro e di valorizzazione del sito sono state diverse realtà, unite tra loro da un forte affetto per il territorio: il progetto è stato realizzato da un team di professionisti guidato dall’architetto Silvia Angiolini, sostenuto dall’Ufficio dei Beni Culturali della Diocesi di Novara ed è stato in parte finanziato dalla Fondazione Comunità Novarese. Non solo, anche il Comune, la Pro loco, l’associazione Alpini, il Centro di Ippoterapia I ragazzi di Camelot e la parrocchia hanno appoggiato l’iniziativa.

Leggi anche:  Donne compravano grossi cani per fare sesso: smascherate

Un sogno che si avvera

Per il parroco don Antonio Soddu si tratta di un sogno che diventa finalmente realtà. ” E’ quasi da un anno – racconta infatti il sacerdote – che coltiviamo questo progetto, questo sogno. Sono tre le parole che descrivono al meglio la rinascita di San Salvatore. La prima è “tradizione” perché questo luogo rappresenta molto per la nostra comunità ed è stato abitato da generazioni. La seconda parola è “spiritualità”, perché San Salvatore è una località che ha parlato agli uomini del passato e che può parlare anche agli uomini del presente. La terza è “amore”, per il territorio, che tutti condividiamo”.