“Serve unità dei Comuni”: l’appello dell’assessore pombiese Nicola Arlunno ai sindaci della sponda piemontese del Ticino interessati dal problema Malpensa.

“Serve unità di tutti”

Continua a far discutere la situazione dei voli di Malpensa “dirottati” sul Piemonte. I Comuni più colpiti dal problema sono Pombia, Varallo Pombia e Castelletto Ticino e dopo l’emergenza scattata a settembre,  tutti temono che la situazione possa peggiorare. A mettere sul piatto la questione, lanciando un appello agli altri sindaci del territorio, è questa volta l’assessore pombiese Nicola Arlunno, che segue la vicenda Malpensa da tempo. “Credo che finora alcuni sindaci e in primo luogo la Regione e la Provincia – spiega infatti Arlunno – abbiano agito male per quanto riguarda il tema Malpensa. Alla questione sono interessati in primo luogo Pombia, Varallo Pombia, Castelletto, Cameri e Oleggio, ma ognuno agisce per sé, senza coordinamento”.

Il Piemonte vuole tornare a contare nella commissione

Il punto più discusso della questione con i Comuni lombardi è costituito dal diritto di rappresentanza negato ai Comuni piemontesi interessati da Malpensa. “La nostra posizione – spiega infatti Arlunno – è debole e dobbiamo ricominciare a lavorare perché le cose cambino. Bisogna parlarsi, collaborare anche con il nuovo presidente della Provincia e far sì che i Comuni piemontesi tornino ad avere voce in capitolo nel tavolo aperto tra Amministrazioni e aeroporto, dal quale siamo stati espulsi dal 2008 e riammessi come semplici uditori. Non possiamo sempre sapere ciò che accade semplicemente da ciò che scrivono i giornali lombardi. La riunione in cui Arpa ha presentato i dati sull’inquinamento acustico record di settembre è stata disertata da Regione e Provincia, e invece è necessario dire basta all’inerzia e iniziare a lottare per un aeroporto al servizio del territorio”.

Leggi anche:  Detenuti al lavoro in via Boggiani e via Sfrozesca

I dati presentati da Arpa sono preoccupanti

E intanto il Comune di Pombia ha reso pubblici i dati diffusi da Arpa sul rumore rilevato sui Comuni piemontesi a settembre. Tra il 3 e il 24 settembre infatti, a causa di alcuni lavori su una pista di Malpensa, la maggior parte dei voli è stata dirottata verso il Piemonte. E i dati del rumore rilevato sopra a Varallo Pombia, Castelletto Ticino e soprattutto Pombia, sono molto più elevati di quanto ci si aspettava. Una situazione che potrebbe addirittura peggiorare quest’estate, quando dal 27 luglio al 27 ottobre sono previsti altri lavori a Linate. In questo scenario è probabile che molti dei voli normalmente gestiti da Linate, vengano trasferiti su Malpensa e che sorvolino il Piemonte.